Totti scherza sul contratto: “Firmo fino al 2020”

di finconsadmin

(repubblica.it – M. Pinci/L- Serafini) – Pranzo con vista sul rinnovo. Il presidente – anzi, “boss” – James Pallotta incontra Francesco Totti.Appuntamento in un notissimo ristorante che dai piedi dell’Aventino si arrampica sul colle affacciando le sue terrazze sulla Roma pi? bella. Da l? il numero uno della Roma e il suo capitano hanno iniziato a chiacchierare di tutto: Jim ha voluto festeggiare con il simbolo della sua squadra i suoi 20 anni di carriera. Un modo per dare un segnale a Francesco sulla considerazione della propriet? americana nei suoi confronti. Anche nell’ottica di un prolungamento del contratto in scadenza il 30 giugno del 2014, tra un anno, quando Totti sar? arrivato alla soglia dei 38 anni. E di cui si parler? a breve, ma con i manager Baldini e Sabatini. “Totti mi ha confermato per altri due anni”, ha scherzato Pallotta. “Il mio rinnovo? Resto fino al 2020”, l’eco del capitano.

Il primo ad arrivare ? stato Pallotta: jeans, camicia azzurra e gilet blu scuro, e accompagnato dal consulente Alex Zecca, dall’amministratore delegato Italo Zanzi e dal consigliere d’amministrazione Mauro Baldissoni, ha atteso paziente all’interno del ristorante l’arrivo di un ospite importante. E l?, pochi minuti pi? tardi, l’ha raggiunto Francesco Totti (con lui anche il suo preparatore atletico e braccio destro Vito Scala), camicia di jeans chiara e uno sguardo sorpreso soltanto dal trovare qualcuno a immortalare il suo incontro con mr. Jim. Una foto insieme all’ingresso, sorridenti, poi tutti a tavola. Per festeggiare, i due (e i loro commensali) hanno scelto una fantasia di antipasti, dall’astice alla catalana al trancio di rombo in crosta di patate e pistacchio, pur? di ceci con baccal? e rosmarino, carciofi alla giudia. Poi orata alla griglia, pinzimonio e mix di formaggi, annaffiati da Pinot grigio d’erma. La trattativa vera sar? condotta dal management, ma Pallotta teneva a essere lui il primo a mandare un segnale al numero dieci. Una questione di rispetto se soltanto qualche giorno fa, da New York, lo stesso presidente aveva detto: “Francesco star? con noi finch? giocher?”.
Parole pronunciate da Mr President soltanto marted?, dagli States, a quasi settemila chilometri da casa. Impossibile evidentemente attendere fino a sabato per parlare con la citt?: lo ha fatto oggi, riservando i propri pensieri alle domande di un’emittente locale. “Sono io il boss, nel bene e nel male”, il punto di partenza di Pallotta, in risposta a chi si domanda chi comandi alla Roma tra una presidenza lontana e un management molto numeroso. Sgombrando il campo da insinuazioni e polemiche: “Pu? sembrare che la squadra sia gestita da Boston, ma non ? cos?. Noi parliamo sempre con il management che c’? sul territorio. L’impressione che sia ha, che le cose vadano avanti solo quando vengo a Roma, ? sbagliata. Parlo continuamente con Italo Zanzi”. Pi? difficile magari avere risposte riguardo la trattativa naufragata con il sedicente sceicco Adnan Qaddumi. “Molte fonti ci hanno dato attendibilit?. Abbiamo fatto un contratto ma non ? andata bene. Non voglio entrare nei dettagli.”. Un peccato davvero. Ma Pallotta tiene a chiarire almeno il perch? si inizi? a parlare con lui: “C’? una strategia sugli investitori – la verit? del presidente – e se sui giornali leggete cose diverse da quelle che diciamo noi, sono speculazioni. Se vedete quanto abbiamo investito sul mercato, abbiamo la capacit? di competere con chiunque. Per il capitale c’? bisogno di strategie per far crescere il brand. Sul capitale ci vuole pi? flessibilit?, non ? che adesso non abbiamo i capitali. Non ? un problema di capitale, li abbiamo messi e rispetteremo le cose da fare. tutto quello che leggete non ? la verit?”. Amen.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy