Testaccio, 700 firme per sbloccare il progetto e far rinascere il Campo

L’area di via Zabaglia, dopo 12 anni di incuria e abbandono, a settembre è stata infatti bonificata su ordine del Campidoglio

di Redazione, @forzaroma

Oltre 700 firme raccolte con la richiesta dello sblocco del progetto partecipato già approvato dal municipio. Continua il braccio di ferro per la gestione di Campo Testaccio, l’impianto che ospitava le partite casalinghe della Roma negli anni ’30, come riporta La Repubblica.

L’area di via Zabaglia, dopo 12 anni di incuria e abbandono, a settembre è stata infatti bonificata su ordine del Campidoglio. Subito dopo le quattro associazioni del rione hanno presentato un progetto di recupero con il sogno di restituire quel campetto ai ragazzi del quartiere. Un disegno di “percorso partecipato” già passato all’unanimità in consiglio municipale. Era tutto pronto per partire. O quasi.

Perché Daniele Frongia, assessore allo Sport, a ottobre con una lettera inviata alla sindaca Raggi ha ordinato lo stop: “Chiediamo che la struttura venga riaperta e che resti uno spazio per lo sport e per i ragazzi” spiega Maurizio Milan uno dei portavoce delle associazioni del rione che giovedì si sono riunite per stendere un programma d’azione. La paura è che l’intero blocco possa essere riassegnato attraverso un “project financing anche se non c’è nulla di ufficiale. Oggi il cancello è ancora sbarrato con l’erba che continua a crescere sugli spalti. La partita sul progetto di Campo Testaccio resta sospesa.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 2 anni fa

    Cosa si deve fare per firmare? Sono nato a Testaccio (Via Bramante, angolo Viale Giotto) e ricordo, con nostalgia, la Roma di quei tempi di “Fuffo” Bernardini!
    Vorrei firmare via mail, in quanto vivo in Liguria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy