Super lavoro per Burdisso in attesa di un posto da titolare

di Redazione, @forzaroma

(La Repubblica – F. Ferrazza) – Una lunga chiacchierata con Zeman, nella giornata di sabato e tanti confronti con lo staff tecnico del boemo, per farsi ripetere, fino all’ossessione, i movimenti difensivi. Nicolas Burdisso non vuole arrendersi, convinto di poter interpretare, con il tempo, il ruolo di centrale pur non avendone le caratteristiche naturali.

 

Non si è abbattuto, non ha messo il broncio, raccogliendo l’esclusione dalla gara con l’Atalanta come una spinta per mettersi in discussione, riazzerando convinzioni personali, legate a tanti anni di carriera giocati in un certo modo. Anche alla ripresa degli allenamenti, ieri pomeriggio, Burdisso ha spinto sull’acceleratore nel fare i temuti gradoni, che ogni tanto rispuntano quasi come un simbolo del manifesto programmatico zemaniano. L’argentino non ci sta, inconcepibile per lui arrendersi e sta facendo di tutto per riscavalcare il giovanissimo Marquinhos, presentandosi per primo alle sedute di allenamento e ripetendo i movimenti della difesa, convinto di poter ritrovare una maglia da titolare già a Genova.

 

In tutto questo continua a far discutere la questione De Rossi, visto che anche Ancelotti ha detto la sua. «Mi ha sorpreso non abbia giocato l’ultima partita, ma credo fosse una soluzione del momento. Daniele viene accostato al Psg perché il nostro è uno dei pochi club che può spendere. Ma, nel caso, se ne riparlerà a gennaio». Benissimo. Meglio aspettare il ritorno del centrocampista, domani nella capitale e pensare all’attualità. […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy