Sulle spalle di Zaniolo, “Ora sotto col Siviglia”. Smalling verso l’addio

Sulle spalle di Zaniolo, “Ora sotto col Siviglia”. Smalling verso l’addio

Allo Stadium primi punti dei giallorossi. Bene gli esordienti. In Premier Pedro va ko

di Redazione, @forzaroma

La prima storica vittoria allo Stadium di Torino contro la Juventus (1-3), arriva in una partita molto più simile a un’amichevole che a un’ultima giornata di campionato, scrive Francesca Ferrazza su La Repubblica.

In palio non c’era più nulla. Se non l’orgoglio ritrovato della squadra di Fonseca nel pieno delle prove generali per l’Europa League. Il tempo di vedere il quinto gol stagionale di Kalinic, la doppietta di Perotti – molto probabilmente alla sua ultima gara in serie A con la Roma – la crescita di condizione di un devastante Zaniolo (stracorteggiato sul mercato proprio dai bianconeri). E l’emozione del diciottenne Riccardo Calafiori: dall’intervento in America quasi disperato al ginocchio un paio d’anni fa, all’esordio assoluto nel calcio dei grandi, che sarebbe diventato perfetto se il bel gol realizzato non fosse stato annullato.

Importante è aver vinto la partita, ma adesso speriamo di vincere giovedì in Germania, contro il Siviglia“, ammette Kalinic nei panni di Dzeko.

Paulo Fonseca non ha quindi ritenuto necessario preservare Smalling, facendo capire che le speranze di averlo a disposizione sono ormai molto esili. Entro domani a mezzanotte da Trigoria dovranno consegnare la nuova lista Uefa della quale, a meno di clamorosi colpi di scena, non farà parte Smalling.

Grande paura, nel frattempo per Pedro, giocatore vicinissimo alla firma con la Roma, e atteso per la prossima settimana nella capitale. Lo spagnolo si è fatto male alla spalla durante la finale di FA Cup in Inghilterra del Chelsea, contro l’Arsenal.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy