Roma, Garcia: “Società risentita? Ho detto solo la verità…”

Il tecnico giallorosso torna sulle dichiarazioni della vigilia: ”Ribadisco che per avvicinare la Juve dobbiamo ancora crescere tanto. Ma con il club sono in piena sintonia”. Sabatini: “Parole frustranti ma il tecnico non è in discussione. Nainggolan? Alla fine riusciremo a tenerlo”

di Redazione, @forzaroma

“Sabatini si è risentito? Io ho detto la verità…”. Rudi Garcia non ritratta le dichiarazioni della vigilia. Per il secondo anno di fila, la Roma chiude seconda a -17 dalla Juventus e il tecnico francese ribadisce quanto detto due giorni fa. “La Juve forse conquisterà il triplete ed è irraggiungibile. Noi dobbiamo da continuare la fase di crescita. Non c’e’ paradosso tra quello che dissi dopo Juve-Roma (e cioe’ che era sicuro della vittoria dello scudetto, ndr) e le frasi di ieri, quando ho detto che la Juve e’ irraggiungibile. Ogni volta che parlo c’e’ un momento specifico con una verita’ specifica. A Torino subimmo tre gol irregolari e dovevo ricaricare la squadra: negli spogliatoi i giocatori erano delusi e dicevano che sarebbe stato impossibile. Se non avessi detto quelle parole non saremmo arrivati nemmeno in Europa League. Con le mie dichiarazioni ho protetto la societa’ e la crescita del club. Roma non e’ stata fatta in un solo giorno e questo vale anche per il club giallorosso, che e’ ambizioso come il sottoscritto. Per il momento il nostro obiettivo e’ giocare la Champions il piu’ spesso possibile e lo faremo per seconda volta di fila”.

PIENA SINTONIA CON SABATINI E LA SOCIETA’ – Garcia, comunque, nega dissapori con la società: “Abbiamo la fortuna di avere un presidente fantastico (Pallotta, ndr), che sta costruendo una societa’ forte che migliora di anno in anno. Quando avremo uno stadio avremo piu’ possibilita’ di lottare in campionato e in Europa. C’e’ molta sintonia tra me e la dirigenza non solo americana ma anche italiana. Lavoro con un direttore sportivo che in passato ha dimostrato di avere la capacita’ di costruire squadre di qualita’ e sono sicuro che faremo un buon lavoro anche quest’anno”.

NON E’ UNA STAGIONE DA BUTTARE – La stagione della Roma non e’ certo stata da buttare: “Quando una squadra finisce seconda significa che ha offerto cose interessanti, per gioco e giocatori, anche se nei primi sei mesi eravamo in rampa di lancio, come lo scorso anno. Da gennaio, per diverse ragioni, tra infortuni e Coppa d’Africa, abbiamo espresso un gioco meno buono e sofferto per i tanti pareggi. Pero’ bisogna applaudire i giocatori: non era facile riprendere il secondo posto dopo essere scivolati al terzo, e’ stata un’impresa che ha dimostrato quanto il gruppo sia fantastica”. Infine una battuta su Totti, che oggi ha realizzato il gol numero 299 con la Roma: “Si e’ tenuto il numero 300 per la prossima stagione…”.

SABATINI: FRUSTANTI LE PAROLE DI GARCIA – Prima della gara, Walter Sabatini ha fatto capire che la società non ha gradito le parole della vigilia di Garcia (tanto che pare che il presidente Pallotta abbia vietato le repliche della conferenza sul canale RomaTv, ndr): “Alcune puntualizzazioni riferite alla forza della Juventus, ai valori che vengono distribuiti tecnicamente rispetto a quelli che sono i ricavi, sono frustranti per chi fa sport. Ma Garcia lo sa anche da solo. Poi ci confronteremo su questo e non ci sarà problema. La società non condivide tutto, alcune cose sì. A Roma in questa stagione ci sono stati dei problemi. Garcia ha lavorato benissimo, non gli è venuto benissimo il saggio di fine anno. Detto ciò non abbiamo alcuna intenzione di cambiarlo o di metterlo in discussione”.

IL TECNICO HA AVVERTITO L’ECCESSIVA PRESSIONE – Il ds giallorosso nega che ci siano incomprensioni con il tecnico: “Ci confrontiamo su tutti i temi, non è successo niente di particolare. Poi siamo una società liberale in cui ognuno può dire la sua… Sono cose che capitano, non bisogna drammatizzare. Credo che Garcia abbia voluto non tanto mettere le mani avanti come in tanti dicono, ma si sia spaventato un po’ per la pressione che ha subito lui stesso, la società e la squadra in un certo momento della stagione. Ma noi gareggiamo sempre per migliorare e quindi non sottoscriviamo questi distinguo e questi rapporti di forza”.

NAINGGOLAN RESTERA’ ALLA ROMA – Parlando, infine, mercato, Sabatini ha affrontato la questione legata al riscatto di Nainggolan, il cui cartellino è in comproprietà col Cagliari: “Se resto ottimista? Assolutamente si, è un’operazione complessa, lo ribadisco, ma è un privilegio per noi che la dobbiamo fare, significa che è un giocatore importante – conclude il ds della Roma -. Ma lo porteremo a casa perché fa parte del nostro piano per i prossimi anni”.

BALZARETTI: RIENTRO MI RIEMPIE D’ORGOGLIO – Federico Balzaretti si gode il ritorno in campo dopo un anno e mezzo. “Per me e’ un motivo di orgoglio essere qua. Quando uno affronta il calvario che ho passato io, alla mia eta’… Sono felice di essere tornato dopo ben tre operazioni. C’e’ sempre stata la volonta’ di tornare a giocare a calcio, e’ una cosa importante soprattutto per i ragazzi”. Secondo l’ex rosanero, quella della Roma “e’ stata una bellissima stagione. cio’ che ha condizionato il giudizio della gente e’ che non abbiamo distribuito bene i pareggi durante il campionato, ma centrare il secondo posto e’ fondamentale per la societa’, per la gente. Tante squadre, ricordiamocelo, giocavano per il secondo posto, come Inter, Milan, Napoli, il nostro risultato va comunque valorizzato”. Sulla conferenza di ieri di Garcia che ha suscitato numerose polemiche, anche interne alla Roma: “L’ha detto anche il mister, l’obiettivo e’ rinforzare la squadra sempre. Ma questa e’ la volonta’ di tutti. E’ giusto avere obiettivi maggiori del secondo posto, ma bisogna apprezzare i risultati che raggiungiamo. Non bisogna sminuire il nostro piazzamento”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy