Olimpico, il governo toglie le barriere

Il ministro dello Sport Lotti chiama Spalletti e dice: “Via entro febbraio”. Totti: “L’appello per tornare ai tifosi lo faccio io”

di Redazione, @forzaroma

Ci vorranno i tempi tecnici ma le barriere nelle curve dello Stadio Olimpico saranno rimosse. Probabilmente entro febbraio, come scrive Goffredo De Marchis su La Repubblica.

Erano state messe nel 2015 su ordinanza del Viminale per evitare i cambi di posto e controllare meglio, attraverso la videosorveglianza, i settori del tifo organizzato. Decisione che provocò la protesta delle tifoserie di Roma e Lazio lo sciopero delle quali ha colpito duro i due club. In questi due anni ci sono state tante battaglie e contestazioni verso il prefetto di allora Franco Gabrielli (oggi capo della polizia) e il continuo pressing sui vertici societari per un ritorno alla normalità.

Il dossier anti-barriere è stato gestito dal neoministro dello Sport Lotti il quale, appena insidiato, ha istruito la pratica per porre fine a quella che definisce “una follia”, dialogando prima con Minniti e poi con le due società per capire i margini della “liberazione”.

Nella vicenda hanno recitato un ruolo fondamentale i dirigenti, ma ancor più Luciano Spalletti e Francesco Totti. Il rapporto tra Lotti e Spalletti è di amicizia e la politica non c’entra. Lotti ha giocato nel Certaldo, paese natale di Spalletti, e conosce da tanto tempo il tecnico giallorosso che ha chiesto al ministro di prendere in mano la vicenda, di cercare una soluzione, di riportare i tifosi allo stadio. Lotti ha parlato anche con Totti. Il capitano della Roma gli ha promesso: “L’appello ai tifosi per tornare all’Olimpico lo faccio io!”. 

Ora si limano i dettagli. Il ministro è stato chiaro con Baldissoni e Lotito:  “Al primo casino rimettiamo le barriere”. Come per dire che le società dovranno prendersi qualche responsabilità.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy