Nainggolan: “Roma con poca personalità, se vendi non vinci. Avrei chiuso lì la carriera, ma in futuro…”

Nainggolan: “Roma con poca personalità, se vendi non vinci. Avrei chiuso lì la carriera, ma in futuro…”

Domenica la sfida con i giallorossi: “Perché giocare in giallorosso serve gente con le palle. Rigiocherei la semifinale con il Liverpool, c’era un rigore con espulsione per noi”

di Redazione, @forzaroma

Domenica Nainggolan tornerà all’Olimpico con il Cagliari da avversario della Roma. Sarà la prima volta per lui, che lo scorso anno in quel 2-2 di dicembre con l’Inter era rimasto a guardare. “Se mi fa effetto? Certo. Non so cosa aspettarmi, spero non mi fischino” ha detto a La Repubblica. Ecco uno stralcio della sua intervista:

Ha mai pensato di diventare una bandiera della Roma?
Difficile dopo Totti e De Rossi. Ma sicuramente avevo pensato di chiudere la carriera a Roma. Lì ero felice, davo l’anima, avevo tutto quello che volevo. E’ stata una grande delusione andare via, ma nella vita a volte le strade si riuniscono.

Che ne pensa della squadra attuale?
Fa un po’ più fatica perché ha pochi giocatori di personalità. Ci vogliono le palle per giocare a Roma. Lì è tutto bello, ma quando le cose vanno male e ti fischiano devi avere carattere. Tanti giocatori forti lì hanno steccato.

Il famoso ambiente…
Sì, le radio, i giornali… ma dai sono cavolate, queste cose ci sono ovunque.

Meglio l’amore di piazze come Roma e Cagliari o lo scudetto?
Non ho mai pensato allo scudetto. Non ho vinto niente ma non mi interessa: non cambierei nulla della mia carriera. Meglio stare dove mi apprezzano.

Ma è diventato una plusvalenza.
Assurdo dover vendere per forza i giocatori, così una società non potrà mai vincere. Si trasformano gli uomini in numeri.

Scelga una partita da rigiocare…
Roma-Barcellona per le emozioni. E la semifinale con il Liverpool perché vada in maniera diversa. La rigiocherei 10mila volta. C’era rigore per noi con espulsione. Chissà come sarebbe andata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy