Milano e Torino vincono, Roma è la Fabbrica di San Pietro

di Redazione, @forzaroma

(La Repubblica – F.Bocca) – Quest’anno è tornata a vincere la Juventus, un anno fa ha vinto il Milan, l’Inter è stata protagonista di un ciclo formidabile.

Torino e Milano sono stabilmente al vertice del calcio italiano, e la vittoria della Juventus, diciamo così, ha risistemato le cose dal punto di vista storico e tradizionale. Le Superbig possono sbagliare o addirittura fallire, certo, ma difficilmente per un periodo troppo lungo. Roma invece fatica a rientrare nel grande giro, a lotttare per lo scudetto, soffre, stenta a fare grandi risultati, fatica spesso a qualificarsi per le Coppe, non vince scudetti ormai da una dozzina d’anni. E in ogni caso l’albo d’oro di Roma e Lazio, rispetto al Juventus, Milan e Inter, è impietoso. La Roma sta tentando con un nuovo progetto, quello degli americani, ma la prima stagione è stata negativa; della Lazio non si riesce a individuare un programma a lunga scadenza. I due club hanno proprietà meno ricche e potenti rispetto alle famiglie Agnelli, Berlusconi e Moratti, non possono fare grandi colpi di mercato, hanno monti stipendi sensibilmente inferiori (anche se in assoluto non è un male anzi…) cercano di costruirsi entrambe uno stadio di proprietà ma i progetti – in verità sempre vaghi e inconsistenti – si impelagano nella burocrazia politica romana. I due allenatori – Luis Enrique ed Edy Reja – tra pochi giorni se ne andranno. Si ricomincia un’altra volta da capo. Il calcio a Roma è come la Fabbrica di San Pietro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy