Matteo Cardinali: tutto il futuro tra i due pali

Savorani stravede per lui. Classe 2001, silenzioso e serio. Il salto in prima squadra è imminente

di Redazione, @forzaroma

Per la prima squadra si discute tanto di Olsen, dei suoi errori e di quelli di una difesa colabrodo, che continua a prendere gol a valanga (55 stagionali), cercando di aggrapparsi a qualche brandello di speranza per il futuro. Una di queste ha il nome del portiere della Primavera romanista, Matteo Cardinali. Un millennial per il quale stravede Marco Savorani, il preparatore dei portieri della prima squadra, che con lui ha lavorato la scorsa estate durante il ritiro pre-campionato a Trigoria, e che continua a seguirlo e ad aiutarlo nella sua crescita di questi mesi. Matteo (che proprio la scorsa estate ha firmato anche il suo primo contratto da professionista) era stato infatti aggregato ai grandi e ha lavorato alla corte di Eusebio Di Francesco accanto ad Antonio Mirante, cercando di rubare i segreti e trucchi al più esperto collega e facendosi notare anche per il fatto di essere un diciassettenne molto serio e silenzioso. Lo scriver Ferrazza su La Repubblica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy