Luis chiude con tre punti, la Roma aspetta Montella

di Redazione, @forzaroma

(La Repubblica – M.Pinci) Luis Enrique saluta la Roma con una vittoria nel giorno in cui il Cesena dice addio alla A. Il congedo dell´asturiano è un 2-3 al Manuzzi per la 17ª vittoria in campionato.

Più che il malinconico successo romagnolo con un avversario già retrocesso e contestato dai tifosi, però, a Roma ricorderanno le 16 sconfitte stagionali, il 7° posto, l´addio dopo 15 anni all´Europa, i 55 gol subiti in campionato che hanno fatto della Roma la difesa più fragile tra le prime 15. «Bilancio non positivo – lo sfogo di De Rossi – ora servono organizzazione, velocità e grandi investimenti. E subito il nuovo allenatore». Ai soldi penserà già oggi un consiglio d´amministrazione da cui sono attese risposte certe su tempi e modalità dell´aumento di capitale per 50 milioni già approvato dal cda.

Per annunciare il nuovo tecnico invece si aspetta solo il via libera di Pulvirenti per Montella. «È un nome a cui pensiamo – prova a nascondersi il ds Sabatini – è un candidato serio, ma solo un candidato. Decideremo in dieci giorni». Un modo elegante per rimandare il discorso: ieri era ancora il giorno dei saluti di Luis Enrique, «senza emozioni, perché sono molto freddo», le sue ultime parole romaniste. Non l´unico addio, il suo perché dei 14 romanisti in campo a Cesena, saluteranno Cassetti e Heinze, in ballo le conferme di Kjaer, Marquinho e Gago, ma anche degli spagnoli Bojan e José Angel, delusi e deludenti. (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy