L’inno giallorosso a spalti vuoti: il compleanno triste di un simbolo

Il primo dicembre del 1974 la prima volta di “Roma, Roma, Roma”

di Redazione, @forzaroma

Il primo dicembre del 1974, esattamente 46 anni fa, gli altoparlanti dell’Olimpico mandarono fuori qualcosa di inimmaginabile: una canzone emozionante. Si giocava un derby, nessuno era stato avvertito. L’idea era stata elaborata a più testa e a più mani: Gepy, Venditti, Bardotti, Latini. La confezione finale – scrive Enrico Sisti su “La Repubblica” – fu opera di Antonello Venditti “Roma, Roma, Roma”. E poi tutto il resto.

Sono anni che che il cuore, quello mezzo giallo e mezzo rosso, sobbalza, che l’animo si estende e si rapprende, prendendo aria, entusiasmo, in un contagio permanente di sensazioni indescrivibili a chi non le prova. La Roma stava per arrivare in alto, col terzo posto del ’75: il risultato più eclatante dallo scudetto del ’43. Il tutto avvenne grazie a Liedholm, Prati, ma si consolidò attraverso l’arte. Non c’è tifoseria al mondo che non invidi quella canzone. Nemmeno “Grazie Roma” ha avuto la forza di archiviarla.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy