Le risorse della Roma per il gol: la difesa segna più dell’attacco

Le risorse della Roma per il gol: la difesa segna più dell’attacco

Sono 6 i gol dei difensori, mentre si ferma a 4 il conto sia per i centrocampisti che per gli attaccanti. Dzeko è al 43esimo giorno di digiuno: oggi va in campo contro l’amuleto Viktoria Plzen per fermarlo

di Redazione, @forzaroma

Le imputano di non saper difendere più come lo scorso anno, allora lei ha imparato a segnare. Tra le tante contraddizioni della Roma c’è anche questa. Il doppio dei gol incassati un anno fa – erano sei in tutte le competizioni, ora sono 12 – le sono valsi un mese d’inferno, da cui è uscita anche grazie ai gol. Ma in questo anno al rovescio, quelli che le sue punte non sanno più segnare, i gol li trovano centrali e terzini, scrive Matteo Pinci su “Repubblica“. I difensori hanno messo la firma su sei dei quattordici centri giallorossi in quest stagione: centrocampisti e attaccanti non sono andati oltre i 4.

Dopo Frosinone e derby, il Viktoria Plzen all’Olimpico è un’occasione imperdibile per fare tris e dimenticare la nottataccia di Madrid nel primo turno di Champions, non fosse altro perché nelle ultime 15 partite europee in trasferta ne ha perse otto e vinta appena una. In Europa una retroguardia attiva nell’area avversaria quanto quella romanista non c’è. Se il Real ha Sergio Ramos – 3 reti – la Roma ha Fazio e Kolarov, due gol a testa, gli stessi di El Shaarawy o Pastore. È antidoto inventato a Trigoria per sopperire alla latitanza degli attaccanti: Di Francesco chiede ai suoi centravanti di pulire i palloni e sacrificarsi, ma forse neanche lui si aspettava che Dzeko potesse arrivare al 43esimo giorno senza segnare gol: esattamente gli stessi che sono trascorsi un anno fa tra la doppietta al Chelsea e la rete successiva (alla Spal), il digiuno più lungo della stagione. Lo raccontano nervoso, “Ma la serenità la ritroverà segnando – giura Di Francescoio però me lo tengo stretto anche così, è uno di quegli attaccanti che vanno coccolati, con lui stiamo facendo un lavoro generale anche dal punto di vista mentale perché Edin per noi è troppo importante“.

Con una premessa così, inevitabile che oggi l’allenatore gli offra l’opportunità di fermare il contro dei giorni di digiuno. Per lui poi il Viktoria è davvero un amuleto: la prima volta segnò ai cechi oltre 12 anni fa, nel marzo del 2006 con la maglia del Teplice. Poi si è ripetuto con il Manchester City, due volte nel 2013, e con la Roma, con cui due anni fa ne fece addirittura tre tutti in una volta, chiudendo la sua prima tripletta romana. E poi, l’alternativa sarebbe Schick, che di far gol questa stagione non vuole proprio saperne: l’ultimo, segnato ad aprile, compie oggi 157 giorni.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 1 anno fa

    Semifinale Roma-Liverpool arbitro Skomina, nazionalità slovena.Non amici dell’Italia.
    Partita odierna Roma- Pilzen, arbitro polacco. Grandi amici della Rep. Ceca.
    Domanda: ma non esistono arbitri da qualche ALTRA PARTE dell’Europa?
    E’ forse un “sabotaggio” contro la Roma?

    Sono le ore 18,06 del 2/10/2018 prima che inizi questa partita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. cpg35600 - 1 anno fa

    Sono le ore 18 del 2/3. La partita deve ancora cominciare. Permettetemi due dubbi: 1) perchè non dare fiducia a Shick, dato che si gioca con una sua ex squadra? Dovrebbe sfondare, sarebbe la “sua” occasione.
    2) dopo l’esperimento di un arbitro sloveno nella famosa partita di semifinale con il Liverpool, OGGI si presenta un altro caso analogo: un arbitro polacco. Dovete sapere che tra polacchi e cechi c’è una grande amicizia, mentre tra italiani e sloveni (complice la 2a guerra mondiale) non c’è assolutamente amicizia. Domanda. ma per queste partite non esistono arbitri di altre nazionalità da poter nominare e dirigere delle partite, tenendo in conto la non recente storia che ha diviso (e non unito) dei popoli? Chiedete ai triestini quanto amino gli sloveni: la risposta la avrete subito! Ad ogni modo, proviamoci con un grande “FORZA ROMA!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. encat - 1 anno fa

      a Schick sono state date diverse possibilità, ma finora ha sempre deluso. Tu parli di dare fiducia, ma la fiducia te la devi anche guadagnare con la buona volontà e i fatti, finora se ne sono visti pochini.
      Sugli arbitri, al di là dello scarso valore del Plzen direi che l’arbitraggio di ieri è stato ampiamente sufficiente; e nell’arco dei 180 minuti di Roma-Livepool la Roma ha meritato l’eliminazione, non cerchiamo sempre scuse altrimenti non cresceremo mai e se non cresci non vinci

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy