L’abbraccio di Erevan: così De Rossi torna leader

di Redazione, @forzaroma

(La Repubblica – F.S.Intorcia) – Racconta Plutarco che Giulio Cesare avrebbe preferito essere primo in un piccolo villaggio sulle Alpi piuttosto che secondo a Roma. E lui non doveva vedersela con Zeman. Chissà cosa ne pensa Daniele De Rossi: sbattuto in panchina e bacchettato come un monello a casa sua, intoccabile invece in Nazionale. Prandelli lo fa giocare anche su una gamba sola, all’Europeo come a Sofia nelle qualificazioni, quando il centrocampista è uscito per infortunio lasciando la squadra in dieci. Giallorosso opaco e azzurro brillante: un contrasto di colori annunciato già in Polonia.  […]

 

Nella capitale sorge da più di un anno un club romanista: ha un sito web (asroma.am) e una ragazza come leader. Sofi Ustayan ha solo 23 anni e un marito tifoso dello United («Ci siamo conosciuti dopo il 7-1 alla Roma, altrimenti l’avrei mollato quella sera», scherza), ha studiato italiano all’università ed è la guida spirituale dei tifosi giallorossi a Erevan. «Ero piccola quando ho visto Totti fare il cucchiaio all’Olanda e da allora mi sono appassionata alla Roma — racconta — Ora il mio idolo è De Rossi: eravamo lì per lui, non per l’Italia, ci ha fatto l’autografo, è stato gentile. Alla partita tiferemo per l’Armenia e per Daniele». […]

 

E se uno pensa che la lite fra Zeman e Capitan Futuro sia un caso prettamente romano, ecco che invece la costola armena del popolo giallorosso si schiera. Col giocatore. «De Rossi è un professionista e un giocatore attaccato alla Roma, non è possibile accusarlo di scarso impegno o considerarlo un peso. Ricordiamoci le sue parole quando ha annunciato il suo no al City: lui è prima di tutto un romanista vero, poi è un calciatore di prima fascia, destinato a scrivere ancora pagine importanti con questa maglia. Quanto a Zeman, non ci schieriamo contro di lui, ha bisogno di tempo per essere giudicato. Quel tempo che non è stato concesso a Luis Enrique, che aveva tante idee innovative». Quest’eccesso di amore per De Rossi ha fatto persino arrabbiare una parte dei tifosi della nazionale armena, creando il rischio di una spaccatura sugli spalti. «Ma tutti vogliamo battere l’Italia, possiamo farcela. Vinciamo 3-1. Però facciamo che il gol azzurro lo segna Daniele: così siamo contenti tutti».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy