La scure di Malagò sul voto: “Commissario dopo i Giochi”

Domani a Fiumicino è convocata l’assemblea che dovrebbe nominare il nuovo vertice del calcio italiano, il primo dopo l’onta dell’esclusione dal Mondiale russo

di Redazione, @forzaroma

Se il piano di Malagò andasse in porto, entro un mese la Federcalcio si ritroverebbe commissariata per la dodicesima volta in 120 anni di vita, scrive Matteo Pinci su La Repubblica.

Domani a Fiumicino è convocata l’assemblea che dovrebbe nominare il nuovo vertice del calcio italiano, il primo dopo l’onta dell’esclusione dal Mondiale russo. Ma nei piani del Coni non durerebbe più di 30 giorni. Da oggi inizia la “tregua Olimpica” per i Giochi invernali. Ma per il 1° marzo è stata convocata la giunta straordinaria ( forse sarà anticipata al 28 febbraio) con un solo punto all’ordine del giorno: il commissariamento della Figc.

La Serie A è in stallo, incapace di darsi una governance e nominare i propri consiglieri federali. Ultimo atto, la lite furibonda di giovedì tra Lotito e Marotta, con il laziale arrivato a rivelare ciò che nessuno voleva ammettere prima: «Avevamo fatto un patto io e te, quest’estate» . Il dg bianconero ha confermato uno «scontro acceso, dialettico ma non fisico» . Li hanno separati in tempo. Ma in Lega non c’è accordo su nulla e il consiglio federale nascerà di nuovo senza i consiglieri della A.

Per questo ai candidati Malagò ha chiesto un passo indietro, per rinviare le elezioni di 90 giorni e intanto affidare l’ordinario a un commissario “ad acta”. Prospettiva concreta da qui a domattina, quando apriranno le urne, anche se ieri i candidati hanno detto «no» . In particolare il n. 1 dei calciatori, Tommasi: sarà lui l’ago della bilancia al voto. Scegliesse l’alleanza con Gravina e Ulivieri, che l’ha abbandonato, potrebbe comporre un governo col 58% dei voti. È la mossa che stasera gli chiederà il direttivo.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy