La rabbia di Florenzi: “Abbiamo deluso, serve una soluzione”

La rabbia di Florenzi: “Abbiamo deluso, serve una soluzione”

Fischi e contestazione da parte dei tifosi presenti: “Tifiamo solo la maglia”

di Redazione, @forzaroma

Notte fonda sulla testa di una Roma che sprofonda nel gelo di Plzen, scrive Francesca Ferrazza su La Repubblica, perdendo oltre alla faccia in diretta Champions, anche i soldi che una vittoria avrebbe portato nelle casse di Trigoria. I giallorossi in Repubblica Ceca escono sconfitti (2-1) dal campo, ma a pesare più del risultato (Florenzi e compagni erano già qualificati agli ottavi di finale) è la sensazione che la crisi sia davvero ben lontana dal terminare.

Fischi e contestazione (che proseguirà all’Olimpico domenica prossima) anche ai giocatori (“Tifiamo solo la maglia”, e l’invito a tirare fuori gli attributi). “Concediamo troppo — prova a spiegare un Di Francesco sempre più traballante sulla panchina giallorossa — da determinati giocatori ci aspettiamo qualcosa di diverso e farò le mie valutazioni. Ora è tutto molto delicato, ho visto le cose a metà e per me è una piccola delusione quella di stasera ma ora pensiamo al Genoa”.

Fa autocritica Manolas, l’unico giocatore a fine gara ad avvicinarsi tanto al settore dei tifosi infuriati. “Prendere due gol così non è da grande squadra, se vuoi andare lontano in Champions queste reti non le puoi subire. Anche se la partita non era importante per la classifica, noi dobbiamo entrare in campo sempre per vincere. Dobbiamo trovare coraggio, personalità e serenità per ripartire, perché se continuiamo così è davvero dura. In questo momento non siamo all’altezza”.

Florenzi: “Non possiamo fare la figura che abbiamo fatto oggi. Siamo delusi e amareggiati e dobbiamo trovare in tutte le maniere una soluzione. Adesso serve gente tosta, che ha voglia di giocare il pallone senza paura. Ci vuole personalità nel giocare per la Roma. La gara col Genoa dovrà essere per noi come una finale di Champions”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy