Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Repubblica

La prima crisi di Oliveira. Mou, squalifica in arrivo

Getty Images

Troppo presto prima per incoronarlo leader tecnico e carismatico della Roma, troppo presto anche adesso nel bocciare il suo acquisto

Redazione

Una tranquillità che sembra essersi rapidamente sgretolata, la personalità delle prime gare che in campo non si vede più, scrive Andrea Di Carlo su La Repubblica. Troppo presto prima per incoronarlo leader tecnico e carismatico della Roma, troppo presto anche adesso nel bocciare il suo acquisto. Ma la prestazione di Sergio Oliveira nel primo tempo di Roma–Verona è stata oggettivamente insufficiente: lento, macchinoso e insolitamente impreciso, in grado di sbagliare passaggi assolutamente basilari. Che la velocità non fosse tra le qualità presenti nel suo biglietto da visita non era di certo un mistero, visto che l’ex Porto ha sempre preferito far correre il pallone che macinare chilometri. Ma nel momento in cui il pallone non scorre come dovrebbe fra i suoi piedi, il problema diventa evidente. E le scelte di Mourinho, che attende di conoscere in giornata quante partite dovrà saltare per squalifica, sono un riscontro molto affidabile sulle difficoltà che il mediano sta incontrando: la fiducia non sta venendo meno, ma i cambi esistono per migliorare o cambiare qualcosa che non sta funzionando in campo. Come il portoghese. Dopo aver giocato per 90 minuti nelle prime tre gare, lo Special One ha iniziato a gestire il suo minutaggio, togliendolo quando la benzina stava per segnare il rosso della riserva. Poco meno di 60 minuti con il Genoa, 70 con il Sassuolo e appena un tempo con l’Hellas Verona. Il suo futuro non è in dubbio e sarà giallorosso: il riscatto a 13 milioni più bonus rischia di essere una pura formalità, lo Special One lo vede come uno dei perni della Roma che verrà, ma la missione ora è riportarlo rapidamente ai suoi livelli di rendimento. Ed un cambio modulo, riportando i giallorossi ad un 4-2-3-1, potrebbe aiutare il portoghese a far rivedere i suoi colpi. Magari già a partire dalla sfida di domenica con lo Spezia, dove rientrerà Nicolò Zaniolo.