Il gip: “Può inquinare le prove”. No alla libertà per Lanzalone

Le cose non cambiano per l’ex presidente di Acea, nonostante il lungo interrogatorio durante il quale ha affermato di non avere mai ricevuto un euro da Luca Parnasi. Parole che non hanno convinto il gip Maria Paola Tomaselli

di Redazione, @forzaroma

Gli indizi di colpevolezza rimangono. E con loro le esigenze cautelari: il gip di Roma ha detto no alla richiesta di scarcerazione avanzata dalla difesa di Luca Lanzalone, scrive “Repubblica“. Le cose non cambiano per l’ex presidente di Acea, nonostante il lungo interrogatorio durante il quale ha affermato di non avere mai ricevuto un euro da Luca Parnasi. Parole che non hanno convinto il gip Maria Paola Tomaselli così come non l’ha convinta la tesi difensiva dell’avvocato, volta a negare di poter essere considerato un pubblico ufficiale. Per il giudice, oltre che per il procuratore aggiunto Paolo Ielo e per il pm Barbara Zuin, Lanzalone era de facto un pubblico ufficiale, essendo il referente del Comune per tutta la questione stadio della Roma. Sia la sindaca Raggi sia il direttore generale del Campidoglio Franco Giampaoletti hanno spiegato agli inquirenti come Lanzalone godesse di grande potere a palazzo Senatorio anche su altre questioni. Ieri il tribunale del Riesame si è riservato di decidere sulla scarcerazione dei manager del gruppo Parnasi Gianluca Talone, Simone Contasta, Giulio Mangosi, Nabor Zaffiri, tutti accusati di associazione a delinquere. Nei prossimi giorni i pm potrebbero sentire Parnasi e il presidente del Coni, Giovanni Malagò.

Anche la procura della Corte dei Conti ha acceso il faro sullo stadio della Roma. Primo focus su Atac e i costi sostenuti per pagare i consulenti del concordato. Poi il caso Lanzalone: presto partirà la richiesta al Campidoglio, titolare della golden share di Acea, degli atti che hanno portato l’avvocato alla presidenza della multiutility. Il suo curriculum è stato comparato con altri? O la sindaca ha imposto la propria volontà senza procedere a una call a evidenza pubblica? Capitoli conclusivi sul danno d’immagine e da disservizio causati dai politici, dai dirigenti e dai funzionari sotto indagine.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy