Il frutto dello smantellamento scientifico di una squadra

Il frutto dello smantellamento scientifico di una squadra

“La Roma schiantata al Bernabeu dal Real, va a Bologna e riperde come se il Bologna fosse un Real. La Roma senza Alisson, Strootman, Nainggolan, cuore”

di Redazione, @forzaroma
“Il portiere non c’è più, l’ordinatore di centrocampo non c’è più, la furia belga non c’è più e la Roma non c’è più”. Come scrive Maurizio Crosetti nell’edizione odierna de “La Repubblica”, “il campionato prende atto dello smantellamento scientifico di una squadra che era quasi arrivata in finale di Champions e che ora sembra al finale di sé. La Roma schiantata al Bernabeu dal Real, va a Bologna e riperde come se il Bologna fosse un Real. La Roma senza Alisson, Strootman, Nainggolan, cuore. 
[…]Il presidente americano disgustato? E i tifosi, allora? Perché l’equilibrio di bilancio sarà pure un sacro dogma e non si può ignorare, le cessioni a un certo punto diventano obbligatorie ma se per anni hai speso 700 milioni per farti umiliare da una squadra piena di debuttanti, allora il guasto è totale. Fa malinconia guardare la faccia di Totti in tribuna, e quasi tenerezza scavare nelle espressioni smarrite di quelli in campo: sembrano bambini della scuola calcio alla prima domenica importante su un prato spelacchiato, contro avversari di tre o quattro anni più grandi di loro”. 
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy