Fronte del Porto, per Di Francesco sarà l’ultima chance

Fronte del Porto, per Di Francesco sarà l’ultima chance

Dopo il derby bloccato Paulo Sousa. Poi la tregua fino a mercoledì. Anche Monchi è in bilico

di Redazione, @forzaroma

Una riunione notturna, un processo mattutino, una partita da cui dipende la sorte di un allenatore, un altro tecnico già alla finestra. Il presente della Roma è appeso ai 90 minuti di Oporto: mercoledì in casa del Porto non si giocherà soltanto il pass per i quarti di finale di Champions League, ma pure il futuro di Di Francesco. Se uscisse dal torneo nonostante il 2-1 dell’andata, sarà addio: non l’unico, però. La questione si è aperta sabato notte: Eusebio Di Francesco stava per essere scaricato. Il forte sospetto è che alcuni dei leader dei calciatori abbiano smesso di seguire l’allenatore. Un’impressione trasferita allo stesso Di Francesco ieri mattina, alle 9, in una riunione d’emergenza a Trigoria prima dell’allenamento. Lui stesso deve aver avvertito che una parte del gruppo non è più organico nell’applicazione delle sue richieste. Deve essersi sentito abbandonato e forse la tentazione di essere lui stesso a lasciare l’ha accarezzata. Ma dopo un colloquio con i calciatori ha scelto di crederci, convinto che come già successo dopo altri inciampi rovinosi di questa stagione, scrive Pinci su La Repubblica.

Un’eliminazione rumorosa dalla Champions renderebbe indispensabile l’unica scelta possibile per dare una scossa: l’esonero del tecnico. Franco Baldini, consulente personale di Pallotta, ha già “bloccato” il sostituto, l’ex fiorentino Paulo Sousa, che da sabato era a Bordeaux per firmare con la squadra francese. Ma che dopo la chiamata dell’amico è stato felice di prendere tempo per aspettare i giallorossi. Domani potrebbe essere in città, forse mercoledì a Oporto. Il problema è che lui o le sue alternative (Montella, Panucci) pretendono contratti anche per la prossima stagione. Che farebbero tramontare l’idea del club di avere Sarri. Con il cambio in panchina, però, tutta l’organizzazione sportiva andrebbe ridiscussa. E rischierebbe pure il ds: Monchi ha un discorso più che avanzato con l’Arsenal. Ma il suo lavoro è sotto accusa. E le critiche pubbliche non risparmiano nemmeno sua maestà Francesco Totti. Che la settimana più importante, quella prima di Lazio e Porto, l’ha trascorsa a sciare con la famiglia e la mattina del derby a giocare a calcetto. Nell’organigramma il suo nome non compare, ma la società gli ha affidato il ruolo chiave di rappresentarla nello spogliatoio.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Franco - 2 anni fa

    Se corriamo TUTTI 100 minuti, senza fermarci, mordendo alle caviglie degli avversari e senza un secondo di disattenzione ……ce la potremo fare. DAJE ROMA……, od ora o finisce male l’anno sportivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy