Difra preoccupato: “Troppi gol subiti”. Ora il Real fa paura

Difra preoccupato: “Troppi gol subiti”. Ora il Real fa paura

Il tecnico: “Adesso però non dobbiamo perdere la mentalità, perché i risultati ci possono togliere forza”

di Redazione, @forzaroma

Finisce con l’Olimpico unito nel fischiare pesantemente una Roma capace di farsi rimontare dal Chievo, come riporta Francesca Ferrazza su La Repubblica, collezionando il secondo pareggio (2-2) casalingo di questo breve avvio di stagione. La domanda immediata, nella testa di tifosi e non, porta a Madrid: mercoledì, contro il Real, quanti gol rischia di prendere questa squadra? “Prendiamo reti con troppa facilità – ammette Di Francescoadesso però non dobbiamo perdere la mentalità, perché i risultati ci possono togliere forza. Dobbiamo migliorare la fase difensiva, creiamo tanto, ma quando giochi così devi fare almeno 4-5 reti. Abbiamo tenuto in vita il Chievo e non siamo riusciti a portare a casa i tre punti”.

Secondo tempo tremendo, che restituisce un gruppo in confusione. “Ho cambiato modulo (dal 4-3-3 al 4-2-3-1ndr) per spostare in avanti il baricentro – prova a difendersi il tecnico – quando ci sono due trequartisti i centrali fanno fatica. Per questo ho messo due mediani (Nzonzi- De Rossi, ndr), ma non è servito per evitare il gol. Dobbiamo avere la capacità di chiudere certe partite, è un nostro demerito, è una cosa psicologica, quando i risultati non arrivano si prendono gol ingenui. Come si va a Madrid? Si va per rialzare subito la testa, guardare avanti con ottimismo migliorando la fase difensiva: senza determinazione inutile proprio andare” .

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 1 anno fa

    ma va? è preoccupato? scusate ma l’allenatore di questa squadra chi è? Sembra sempre che caschi dal pero questo qua

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fernandomattiacc_339 - 1 anno fa

    I soliti problemi che aveva con il Sassuolo, capace di segnare tre gol e subirne cinque…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy