Curve chiuse e sfottò come se ne esce fuori?

di finconsadmin

(repubblica.it SPY CALCIO F.Bianchi)      Nessuno ci ha ancora spiegato se dire “Napoli colera” e “Vesuvio lavali tu” sono frasi da discriminazione (territoriale) e come tale vanno punite. Macché, tutti in questi giorni hanno detto la loro su un argomento così delicato ma nessuno ha contribuito a fare chiarezza. Lo farà, finalmente, il consiglio federale in settimana e cambierà la norma: non si può negarlo, è un passo indietro rispetto al 5 agosto scorso quando furono varate regole durissime e la discriminazione territoriale venne equiparata al razzismo (in alcuni casi, in molti caso lo è: inutile nascondersi) e fu anche stabilito che non valevano attenuanti, esimenti, annunci con gli altoparlanti o il pubblico perbene che si dissocia dagli idioti (molto raro). Giancarlo Abete non ha colpe: mica è in dittatore, se ha fissato quelle regole, approvate dal Coni, è perché le ha condivise con il suo “governo” (forse distratto dalla vacanze). Ora Abete verrà incontro ai club e ai tenti che gli chiedono buon senso e si stabilirà che in caso di discriminazione territoriale verrà chiuso solo il settore “responsabile” e non l’intero stadio (vedi caso San Siro), mentre per i cori razzisti valgono sempre recidive e aggravanti (ai prossimi buuu, quindi, il giudice chiude l’Olimpico di Roma e Lazio).

 

Spiega il n.1 del calcio: “Si sta facendo una riflessione definendo un percorso che faccia sì che la recidiva non determini un danno per tutti quando le responsabilità sono di un numero limitato. La logica di questo percorso che stiamo attivando è volto a evitare gli effetti distorsivi di una norma che può recare un effetto di responsabilità oggettiva eccessivo rispetto ai soggetti che l’hanno evidenziata. Ma qualunque modifica non farà venire meno la discriminazione territoriale che rimarrà all’interno delle regole: sarebbe una sconfitta per il Paese confondere sfottò e goliardia con situazioni che sono al limite di una sanzione grave”.
Per quanto riguarda le porte chiuse di San Siro, ha spiegato Abete, “c’è stata una sospensione della sanzione deliberata dalla Corte di Giustizia federale e ora attendiamo le decisioni”. Verrà raccomandato inoltre agli 007 della Procura di stare molto attenti: i cori dovranno essere insistenti e fatti da numerose persone (quante?) e non da gruppuscoli di beceri. Dovranno distinguere fra gli sfottò e gli insulti: lo stesso ministro Delrio non ci ha detto se “Napoli colera” è uno sfottò, si è tenuto pure lui sul vago, ma ha promesso un tavolo di lavoro con Alfano, che ci sembra però abbia ben altri problemi di questi tempi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy