Contro Strootman ma senza Veretout: Fonseca cambia pelle

La rincorsa all’ultimo respiro per la zona Champions diventa inevitabilmente più complicata senza un pilastro della manovra giallorossa

di Redazione, @forzaroma

Una tegola pesantissima, come si era capito subito dall’urlo da brividi di Jordan Veretout, avvertito nitidamente da tutti. Lesione tra il primo e secondo grado al flessore della coscia destra, che vuol dire un mesetto, o forse anche qualcosa in più, di stop, scrive Francesca Ferrazza su La Repubblica.

Dal Genoa (domani, ore 12.30) in poi cominceranno i grattacapi per Paulo Fonseca. La rincorsa all’ultimo respiro per la zona Champions diventa inevitabilmente più complicata senza un pilastro della manovra giallorossa. Adesso Fonseca dovrà ridisegnare la sua Roma nella fase più delicata, tra campionato ed Europa League. Con Villar e Diawara in mezzo al campo, oppure arretrando Pellegrini, calcolando che Cristante può ancora risultare utile in difesa viste le continue defezioni.

E con un ko così pesante a centrocampo, fa effetto che domani la Roma ritroverà un centrocampista molto amato dai tifosi: Kevin Strootman. L’olandese ha lasciato la capitale nell’agosto 2018, lasciandosi però alle spalle un forte legame con la capitale. Un rapporto che è stato condizionato dal calvario vissuto con i problemi al ginocchio, ma che non ha impedito al centrocampista di infilare 131 presenze e 13 gol.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy