Belgio, Martinez: “L’esclusione di Nainggolan ha solo ragioni tattiche, nessun attrito tra noi”

Il Ct dei Diavoli Rossi torna a parlare del centrocampista della Roma: “Capisco che certe decisioni siano più popolari o più accettabili di altre, ma sono prese con onestà. Non è la reazione alle decisioni che deve essere buona, ma la decisione in sé”

di Redazione, @forzaroma

A pochi giorni dal Mondiale, Roberto Martínez, tecnico catalano del Belgio è rilassato e sorridente, a volte impaziente ma sempre con la volontà di far chiarezza sulle zone d’ombra. Ecco uno stralcio della sua intervista rilasciata sulle pagine di “Repubblica”, in cui si sofferma ancora una volta sull’esclusione di Radja Nainggolan.

Negli ultimi tempi è stato bersagliato dalle critiche.
Capisco che certe decisioni siano più popolari o più accettabili di altre, ma sono prese con onestà e senso di responsabilità. Non è la reazione alle decisioni che deve essere buona, ma la decisione in sé”.

Non si può dire che la comunicazione attorno alla saga Nainggolan sia stata chiara.
Al contrario, siamo stati chiarissimi! La ragione della sua esclusione, che la gente l’accetti o meno, è una ragione tattica”.

Ma gioca nel campionato più tattico al mondo…
Non parlo della sua intelligenza tattica ma del modo in cui gli attaccanti sono disposti nel mio sistema. Non si può giocare con più di 11 giocatori in campo. Quando si gioca con Hazard, Mertens e Lukaku nei ruoli offensivi, bisogna prendere delle decisioni tattiche”.

E non era possibile inserirlo nei 23, anche se non fa parte della squadra tipo?
Devo restare neutrale. Se non lo fossi, avrei preso Mirallas, con cui ho lavorato per cinque anni all’Everton. Ma devo valutare quello di cui la squadra ha bisogno. Questa procedura l’ho applicata con Mertens, con Hazard e anche con Nainggolan. E siamo arrivati alla conclusione che ci sono giocatori che hanno bisogno di essere protagonisti e altri sono gregari. Per i media è più interessante pensare che dietro la mancata convocazione di Nainggolan ci sia un attrito tra lui e me, per esempio. Ma, spiacente, non è questo il caso”.

Tra lei e Nainggolan sembra che le cose non abbiano funzionato fin dall’inizio…
No no. Non è sempre stato convocato, è vero, ma ogni volta per motivi diversi. Che cosa dovrebbero pensare Origi o Mirallas, che negli ultimi due anni sono sempre stati convocati? Dobbiamo avere una squadra equilibrata”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy