Si parte, destinazione Europa

di finconsadmin

(Il Romanista – D.Giannini) Si parte. Oggi, dopo l?allenamento e la conferenza di Andreazzoli (fissata per le 13) la Roma lascer? Trigoria per farvi ritorno solo dopo la Coppa Italia. In mezzo quattro giorni che diranno molto, anzi quasi tutto, sulle sorti di questa stagione. Domani la trasferta con il Torino, mercoled? quella di Milano contro l?Inter. Per preparare al meglio quest?ultima, i giallorossi non faranno ritorno nella Capitale ma resteranno in zona, a Novara, per recuperare al meglio le energie della sfida di domani e per presentarsi al meglio alla semifinale di Coppa Italia. Che ? diventata la partita pi? importante della stagione. Anche se il passaggio del turno e la qualificazione alla finale con la Lazio potrebbe non essere sufficiente per guadagnare l?accesso alla Europa League del prossimo anno.

 

 

Il regolamento dice infatti che l?Italia, oltre alle tre squadre in Champions, ha diritto a schierare tre club in Europa League. Due posti spettanti alla quarta e quinta classificata in campionato e uno alla vincitrice della coppa nazionale. Ma, nel caso in cui ad aggiudicarsi la Tim Cup fosse una formazione gi? qualificata alla Champions, il posto spetterebbe alla finalista di coppa. Non sembra per? questo il caso che si va delineando in questa stagione. Perch?, ponendo come premessa indispensabile il raggiungimento della finale da parte della Roma, la Lazio non sembra pi? in grado di arrivare nelle tre posizioni. Cosa succederebbe dunque nel caso in cui la Roma perdesse la finale di Coppa Italia e la Lazio fosse gi? qualificata in Europa League attraverso il campionato? Il terzo posto disponibile in Europa verrebbe assegnato alla sesta classificata in Serie A. Per essere certa di non rimanere a becco asciutto, la Roma deve dunque s? battere l?Inter ma anche prendersi almeno il sesto posto in campionato.

 

 

Un altro motivo per non sottovalutare l?importanza della partita di domani a Torino nella quale Aurelio Andreazzoli dovrebbe riproporre la difesa a tre, quella abbandonata nel derby. Ieri a Trigoria i tre centrali titolari, Marcos, Burdisso e Castan sono stati provati tutti insieme. Il che vorrebbe dire anche un ritorno al centrocampo a quattro con sugli esterni due uomini capaci di coprire tutta la fascia, insomma di difendere in cinque e poi ripartire. I due principali candidati sono Torosidis da una parte (rientra anche Piris dalla squalifica e il paraguaiano pu? giocare anche da centrale) e Marquinho dall?altra, anche se Dod? viene segnalato in ottime condizioni. Nel mezzo, vista l?assenza di De Rossi che sta recuperando dal colpo che l?ha costretto ad uscire nel derby e che anche ieri non si ? allenato con i compagni, dovrebbe toccare alla coppia Bradley-Pjanic con Tachtsidis a contendere una maglia all?americano. Davanti invece dovrebbero esserci Lamela a Totti, col capitano che ha terminato la seduta di ieri con qualche minuto d?anticipo ma solo per precauzione. Mentre il terzo posto in attacco alla fine potrebbe essere di Destro che farebbe cos? il suo ritorno dal primo minuto. Ieri qualche momento di preoccupazione per Mattia, costretto a interrompere l?allenamento per un colpo al ginocchio. Niente di grave per fortuna e poco dopo l?attaccante ha ripreso il suo posto in campo con una fasciatura. Per Osvaldo possibile una nuova partenza dalla panchina, anche se la squalifica in coppa potrebbe far crescere le sue quotazioni. Oggi tutti in campo alle 10,30 per la rifinitura, poi si partir? per tornare a Roma a met? della settimana prossima, magari portandosi dietro un pezzo dell?Europa del prossimo anno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy