Più che la tattica il problema sono gli uomini

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – G.Caccamo) Ennesima volata assassina sull’ennesimo errore a centrocampo ad inizio partita ed ennesima dormita difensiva per piombare già al nono del primo tempo nella peggiore delle situazioni da gestire in un derby così sentito.

Sotto di un gol e partita da giocare in 10 per 80 minuti. Ma a differenza di altre volte non mancano alla Roma cuore e determinazione in un frangente tattico così fortemente penalizzante; l’uscita di Lamela porta Totti a giocare leggermenete più arretrato del solito a sostegno del centrocampo giallorosso in fase d’impostazione, ma l’inerzia dell’incontro passa giocoforza nella mani della Lazio. Cercano di tenere alta la linea difensiva Juan e Heinze, contro una manovra biancoceleste costantemente alla ricerca del gioco sulle fasce. Vive sui nervi e sulle motivazioni tutto il primo tempo romanista, che concede non molto sul piano delle occasioni, pur soffrendo, come ovvio, sul piano della manovra; l’assetto compatto delle lineee giallorosse lascia via libera al fraseggio avversario veloce anche se poco ispirato al limite dell’area.

Convinto e propositivo è l’inizio della ripresa per gli uomini di Luis Enrique, compressi nella propria metà campo ma proiettati verso la porta di Marchetti con improvvisi lanci verticali su Borini e Taddei, non difettando di personalità e di voglia di rimettere in gioco il risultato considerando che anche il pareggio non sarebbe stato utile al futuro romanista. Ha quasi timore la Lazio nella ricerca di chiudere la partita, approfittando poco della stanchezza degli avversari, e quasi mai prendendo con decisione il controllo del gioco, attendendo con pericolosità nella propria metà campo le arrembanti anche se scoordinate vampate romaniste. I pochi rielivi tattici per la partita odierna ci consentono oggi di sottolineare, anche oltrepassando le possibili responsabilità tecniche dell’allenatore, che forse tante delle colpe e dell’inconsistenza della squadra, che tanti dei limiti costantemente messisi in luce nelle più brutte tra le apparizioni in questo campionato, forse possono ascriversi alla modesta cifra tecnica e caratteriale di alcuni magari troppi dei protagonisti di questa squadra; lacune e limiti, oggi come altre volte, evidenziati dai soliti e apparentemente inspiegabili errori personali, sempre decisivi, sempre influenti sul risultato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy