L’agente di Gago: «Roma e Real sono vicine»

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista) Non sarà la settimana buona solo per il nuovo tecnico della Roma. Potrebbe esserlo anche per Fernando Gago.

Almeno, così sostiene il suo agente Marcelo Lombilla. «Tra lui e la Roma è tutto fatto, adesso aspettiamo soltanto che i giallorossi trovino l’intesa con il Madrid», (ri)spiega il procuratore, che a differenza delle altre volte lancia adesso anche una stilettata a Mourinho: «Non ha avuto tempo con Gago. Ma non solo, ha mancato di rispetto ad una persona impeccabile come Fernando».

Dice Lombilla: «Siamo molto vicini, adesso tutto dipende dall’incontro tra la Roma e il Real Madrid. Quando si terrà? Al ritorno dei dirigenti del club dagli Stati Uniti (Baldini e Baldissoni, che sono di nuovo in Italia, ndr). C’è da raggiungere l’accordo tra le due società, che è quello più importante. Le parti sono vicine, ma servirà un incontro per chiudere». Incontro che non c’è ancora stato. La Roma, leggi Baldini che al Real ci ha lavorato sotto Capello e dove ha mantenuto rapporti eccellenti, vuole prima sistemare la questione allenatore.

(…) Anche perché per Gago la Roma non vorrebbe prendere in considerazione le mezze misure. Esclusa la comproprietà, che non è mai possibile con società di federazioni straniere, o si procede con il rinnovo del prestito oppure – ed è questa la pista che si dovrebbe battere – sarà esercitato il diritto di opzione, in scadenza il 30 maggio, e Gago sarà acquistato a titolo definitivo. Prezzo, 7 milioni. Euro più, euro meno. Una cifra che pesa in bilancio. Ecco perché comunque a Trigoria vogliono capire prima quanto il centrocampista sia utile nel gioco del futuro allenatore. Investire una somma del genere – parliamo sempre di 14 miliardi di vecchie lire – ha senso quando si è certi che Gago rientrerà nei programmi del tecnico. D’altro canto, è pure vero che per allestire una squadra che possa competere per traguardi importanti non si può prescindere da un elemento come Gago (…)

In ogni caso l’argentino, che è stato convocato per la partita di qualificazione ai Mondiali contro l’Ecuador del 2 giugno («sono felice», ha commentato su Twitter), non intende fare ritorno a Madrid. Almeno fino a quando lì c’è Mourinho che, secondo Lombilla, «non ha avuto tempo con Gago». Accusa l’agente: «Ha mancato di rispetto ad una persona impeccabile come Fernando, che non ha ricevuto il meritato trattamento professionale. È un uomo al di sopra di ogni sospetto, ma non è stato rispettato», accusa Lombilla. «Se Gago – sottolinea il manager – fosse stato protagonista di qualche controversia, di un episodio poco professionale… ma no, in quattro anni e mezzo è stato impeccabile. Mourinho gli ha mancato di rispetto, nel vero senso della parola».
DGA

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy