Hic Manebimus Optime

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – C.Fotia) Come il titolo sintetizza, ricordando una famosa risposta in latino di Sandro Pertini a chi gli chiedeva se si sarebbe dimesso anzitempo, nessuno nella Roma intende gettare la spugna e fuggire.

 

Il nostro amico Mario Bianchini, in questa stessa pagina, ci scrive di aver avuto bisogno di tranquillanti. La lettura di alcuni quotidiani lo avrebbe talmente innervosito da rendere indispensabile l’uso di farmaci. Eppure è un giornalista navigato. Ne ha viste tante in tutti questi anni. Dovrebbe essere avvezzo alla strumentalizzazione dei momenti difficili piegati alle convenienze di singoli, quando non di gruppi. Ma lui è un puro e, come scrive rendendo bene l’immagine, si sgomenta ancora davanti ai mostri. Io no. Noi del Romanista no. Nella carriera di mostri ne abbiamo incontrati tanti, e oggi ci fanno solo amaramente sorridere. La Roma sta andando male. Il gioco non c’è ancora, se non a sprazzi o per 45 minuti. L’odiata Juve ci ha umiliato. E i ragazzi non rendono per quello che dovrebbero. Tutto vero.

 

Il frizzante divertimento zemaniano tarda ad arrivare. Nasce dalla somma di questi dati la virtuale valigia già aperta sul letto di Franco Baldini. L’addio di Fenucci. Il forse ciao ciao di Zeman. Il giornalismo ipotetico del terzo tipo che annuncia notizie e contemporaneamente le imminenti smentite in arrivo non ci ha mai rapito nè convinto. Strombazzare eventi che potrebbero, forse, quantunque, chissà, magari, approssimamente, più o meno, potenzialmente avverarsi “tra qualche mese, certo non ora” non mi è parsa mai informazione. Anzi: non è mai stata informazione. Ma altro. E a distanza di pochissime ore da queste secchiate di giornalismo si viene a sapere che Fenucci non si muoverà da Roma e non se lo è mai sognato, che Baldini non partirà per Londra, che Sabatini continua imperterrito a fumare sigarette dei monopoli di Stato, e Zeman non è discusso da nessuno che abbia un minimo di cervello in zucca. La proprietà mantiene calma e fiducia nei suoi uomini e lo ribadirà. Nessun complotto di big, nessuna smobilitazione. Frustrazione e rabbia per risultati che non vengono e per maglie non onorate, questo sì.

 

Ancora tanto lavoro da fare per avere una squadra massiccia e solida, questo sì. Ma appofittare di un discorso così ampio e articolato come l’assemblaggio della Roma per seminare aria di fallimento sportivo dai bocchettoni di cambuse dove si frigge di tutto, non è una bella cosa da vedere. La mente corre immediatamente alla richiesta di spiegazioni e ci si interroga sul perché di tali attacchi. Che cosa può infastidire della Roma? Il suo carattere americano? Il suo essere diversa? Una sorta di questione morale di berlingueriana memoria che abbiamo nel dna? Il suo voler costruire e stabilire come fare e dove fare il suo nuovo stadio? Tutto e tutto insieme? Saperlo renderebbe ogni cosa più semplice e chiara. Speriamo che ce lo confessi Baldini appena atterrato a Londra. O che Fenucci ce lo scriva brevemente da Milano con gli auguri di Natale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy