Florenzi: ?La maglia, un orgoglio?

di finconsadmin

(Il Romanista – V.Meta) Riparte da zero la sfida fra Alessandro Florenzi e il Genoa, perch? della Coppa Italia Primavera persa a Marassi si ? gi? vendicato eliminando i rossobl? campioni in carica nella semifinale scudetto 2011.? Riparte da zero e da una gran voglia di gol, quello che al Genoa non ha mai segnato soltanto perch? in quella semifinale Perin par? tutto il possibile e anche qualcosa di molto prossimo all?impossibile.? Un anno e mezzo dopo, la Primavera sembra lontata una vita: ?Il salto in Serie A ? difficile, bisogna mantenere l?umilt??. Ha dispensato pi? di una parola saggia, il centrocampista di Vitinia, parlando con i tanti bambini presenti all?Oratorio Ognissanti per il sorteggio della Junior Tim Cup, un torneo che coivolger? gli oratori romani.
 

La maglia da titolare ? andata via insieme a Zeman, ma lui sa che l?unico modo per riconquistarsela ? continuare a lavorare senza risparmiarsi, come ha sempre fatto. Quando gli chiedono del Boemo, per?, non riesce a trattenere un pizzico di stizza: ?Non ? questo il luogo adatto per parlare di questa cosa. Il mister ha dato tutto e noi abbiamo dato tutto?. Punto. Meglio parlare di s? e di come sta vivendo la sua prima stagione in Serie A, lui che ai tempi della famosa semifinale scudetto faticava a immaginarsi un futuro a breve scadenza nel calcio di vertice: ?Sono stato fortunato fare questo lavoro e c?? tanta gente che si alza all?aba per un fare un lavoro che non le piace. All?inizio ero un po intimorito, poi ho capito che fa piacere ai tifosi farsi una foto e quindi do tutto per loro. ? un orgoglio vestire la maglia giallorossa, anche se pi? di me la sentono De Rossi e Totti, che ? il simbolo di Roma. Noi dobbiamo dare pi? degli altri?.
 

Elegantissimo nel completo d?ordinanza, Florenzi ha risposto alle domande dei bambini ricordando i suoi esordi: ?Vedervi qui mi fa tornare piccolo, quando avevo il sogno di diventare un calciatore e l?ho realizzato. Io ho iniziato a giocare a pallone perch? i miei hanno un bar in un centro sportivo, all?Axa e poi all?Acilia. Il pallone ? la cosa pi? bella che ho. Corro tanto? Sono i valori che mi hanno insegnato i miei oltre all?onest??.? Da sogno realizzato anche il commento al gol contro l?Inter a San Siro: ?Dieci emozioni in un?azione sola?. E poi la curiosit? sul numero di maglia: ?Mi ha sempre portato fortuna il 24, lo avevo a Crotone. Purtroppo qui lo aveva Stek, ma ho fatto 24+24 e quindi 48. Il 24 mi sono messo con la mia fidanzata con la quale ho da poco festeggiato i 4 anni di fidanzamento?. Quanto al modello in campo, il nome ? sempre quello: ?Fabregas. E non ? vero che Cristiano Ronaldo gioca da solo, ha ottime individualit? come Totti e Lamela, ma lo scopo ? vincere insieme?. Magari domenica, magari con un gol a Frey.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy