E Tacopina torna sotto la Sud

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – D.Galli) – Forse, solo adesso l’italoamericano Joe Tacopina è tornato veramente a casa.

Adesso che è andato sotto la Sud, prima ancora che sotto la collina di Monte Mario, là dove era nato il papà e dove ancora vive qualche parente. Qualche Jacopina, e non Tacopina. Perché così si sarebbe dovuto chiamare il vicepresidente della Roma, se non fosse stato per un maldestro errore di trascrizione di un impiegatucolo dell’anagrafe americana. Altri tempi, tempi disgraziati, tempi di italiani che cercavano l’America e non sempre la trovavano, tempi dove gli italiani che sbarcavano a Ellis Island non contavano nulla. Tacopina señor l’America l’ha invece trovata. I suoi sacrifici hanno permesso al figlio di diventare quello che è: uno dei penalisti più famosi di New York, oltre che l’uomo senza il quale probabilmente la Roma americana sarebbe rimasta nel cassetto dello Studio Tonucci. Lì dove venne riposta dopo quella estenuante trattativa che portò Soros a tirarsi indietro.

Capitolo chiuso, ormai. Tacopina sotto la Sud. È successo in un giorno triste per i laziali. Quello del derby. L’ultimo. Triste, perché ha generato negli altri vacue illusioni, miraggi di supremazie cittadine che mal si combinano col futuro che ormai è già quasi presente: noi abbiamo gli americani, Baldini, Sabatini e Fenucci, Pannes e Tacopina, Arshad e Winterling (l’ex capo del marketing dell’Adidas), una società strutturata. Loro, al massimo, hanno Tare. Tacopina sotto la Sud. Ci è andato non per cercare applausi, che la Curva tributa solo a chi decide lei e quando vuole lei. No, Big Joe voleva salutare gli amici del Roma Club New York, quei ragazzi con i quali nella Grande Mela vedeva le partite della Roma prima di fare il grande salto.[…]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy