E ora dategli il Pallone d?Oro

di finconsadmin

(Il Romanista – D. Giannini) – Ci sono cose che spiegarle ? pressoch? impossibile, meglio vederle con i propri occhi. Perch? come si fa a spiegare il “bello”? Ci sono cose che vanno ammirate e basta, come quel lancio di tacco di Totti col Parma o come la sua punizione che ha baciato palo e traversa, un “din don” che si ? sentito ovunque, un risveglio dei sensi. Solo due esempi, due gemme dello sterminato campionario del capitano. Il moderno Re Mida anche lui investito da Dioniso del dono di trasformare in oro qualsiasi cosa tocchi. Nel suo caso qualsiasi tocco, quindi ogni pallone sfiorato. E la cosa strana, incomprensibile, ? che con le migliaia di gioielli regalati al calcio in 20 anni di carriera non gliene sia stato reso almeno uno: il Pallone d?Oro.[…]

 

Per lui prima e dopo classifiche quanto meno irriverenti: 14esimo nel 2000 (l?anno del cucchiaio all?Olanda), 18esimo nel 2003 (con gli stessi voti del turco Kahveci), decimo nel 2007 (nonostante la Scarpa d?oro e con un solo voto in pi? di Kanout?). Tante altre volte non l?hanno neppure inserito nella lista dei migliori. Follia. Anche al netto del ragionamento, peraltro per nulla condiviso dalla quasi totalit? dei tifosi, secondo il quale vince chi ha ottenuto successi con la proprie squadre di club o con le nazionali. Il Totti di oggi, il Totti di questa stagione, ? da Pallone d?Oro. E non per i 20 anni di emozioni calcistiche che ha gi? regalato e per i quali ne meriterebbe un altro, come fecero nel 1995 con Maradona quasi come risarcimento per un regolamento che lo escludeva dai candidati. Un risarcimento di quel tipo per Francesco, semmai, potrebbe arrivare quando smetter? di giocare. Un riconoscimento in pi?. Ora no, ora va giudicato per quello che ? al momento: uno dei pi? grandi al mondo. […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy