Contrordine, a Cesena è alle 18

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – P.A.Coletti) – Last stop Cesena. Domenica alle 18 – la partita è stata anticipata dalla Lega – la Roma sarà ospite della squadra allenata da Beretta già retrocessa.

Per preparare la trasferta in Romagna Luis Enrique ha convocato a Trigoria alle 14 di oggi tutta la squadra. La rosa si presenterà al gran completo. L’allenatore spagnolo, dunque, avrà tutti a disposizione. A Cesena non ci sarà Taddei. Il brasiliano è stato fermato per un turno dal giudice sportivo a causa dell’ammonizione presa da diffidato contro il Catania. Fuorigioco sono anche Juan, Burdisso e Cassetti, che pure oggi continueranno il loro programma di recupero che prevede lo svolgimento di una parte della seduta di allenamento assieme al resto della squadra. Chi rimane in forte dubbio è Maarten Stekelenburg. Il portierone olandese ha ancora dolore alla spalla.

Tutti validi motivi per permettere a Luis di sperare in un suo recupero in extremis per la trasferta di Cesena. Di mezzo, però, c’è la nazionale olandese e l’Europeo alle porte. Stek è stato già convocato dal ct van Marwijk per il pre-ritiro, e non vuole rischiare una ricaduta alla spalla che potrebbe mettere a rischio la sua partecipazione alla competizione continentale. Luis Enrique, dunque, si affiderà nuovamente a Lobont che, nonostante i gol subiti, anche con il Catania ha dimostrato di essere affidabile. La partita di Cesena servirà ai singoli, con il mercato estivo alle porte, per dimostrare di poter continuare a far parte del progetto giallorosso anche in futuro ma ha anche un obiettivo di classifica. Mantenere il settimo posto. Potrebbe sembrare poco rispetto alle speranze iniziali. Ma è quello che resta. Arrivare settimi significherebbe poter sperare per almeno un altro mese all’Europa League. Un mese, il tempo necessario per conoscere gli esiti del processo sportivo sul calcioscommesse, che potrebbe riservare delle sorprese. Quindi vincere a Cesena, di certo non un’impresa impossibile, terrebbe sotto in classifica Parma e Bologna, le altre due contendenti alla settima posizione, con rispettivamente 53 e 51 punti. Le due emiliane si sfideranno domenica alla stessa ora di Cesena-Roma in un derby che quest’anno non mette in palio la salvezza, ma addirittura una speranza europea (grazie a “Scommessopoli”, però). Una speranza che potrebbe essere annullata dalla Roma, qualora tornasse a vincere fuori dall’Olimpico. Cosa, questa, che non accade dal 10 marzo, dallo 0-1 a Palermo. È giunta l’ora di ripeterci

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy