Bradley, lì dove tutto ebbe inizio

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – P.A.Coletti) Un regista americano per la Roma. Zdenek Zeman ha scelto, sarà Michael Bradley a dirigere il centrocampo giallorosso nella sfida di questa sera al Tardini contro il Parma.

 

L’espulsione rimediata nei minuti finali di Roma-Udinese da Tachtsidis ha privato il Boemo del suo regista ideale. Per sostituirlo in molti si sarebbero aspettati il ritorno di Daniele De Rossi in cabina di regia. «De Rossi gioca da dieci anni nella Roma e il regista lo ha fatto sempre Pizarro» le parole di Zeman in conferenza stampa ieri. Niente da fare per il centrocampista di Ostia. L’allenatore lo vede intermedio e così la prima scelta per sostituire il greco è l’americano nato a Princeton. Per Bradley Parma ha rappresentato una tappa importante della sua carriera. Il 18 settembre del 2011 ha esordito in Serie A con la maglia del Chievo proprio al Tardini. Contro gli emiliani però Bradley non ha una statistica favorevole. Zeman per scegliere il suo regista di questa sera non si è certo affidato alla cabala. L’americano ha giocato tre volte contro il Parma e in tutte le occasioni la sua squadra ha perso per 2-1.

 

La prima volta di Bradley contro gli emiliani risale al 23 novembre del 2006 in un Parma-Herenveen di Coppa Uefa. Le altre due sconfitte sono dello scorso anno, quando l’americano indossava la maglia del Chievo Verona. Questa sera per Bradley, così come per la Roma, sarà la partita del riscatto. Per la terza volta in stagione partirà nell’unidici titolare giallorosso. L’ultima volta che l’americano ha giocato dal primo minuto era Roma-Atalanta del 7 ottobre e Bradley segnò il suo primo gol in campionato in maglia giallorossa. Nell’altra occasione in cui l’ex Chievo è partito titolare, la prima di campionato contro il Catania, era stato altrettanto decisivo offrendo l’assist a Nico Lopez per il gol del 2-2. I compagni di reparto di Bradley saranno De Rossi e Florenzi. Un centrocampo con tanta corsa, come piace a Zeman. Miralem Pjanic si accomoderà in panchina dopo la prova opaca offerta contro l’Udinese domenica sera.

 

Un piccolo dubbio rimane sulla presenza di Florenzi. Il centrocampista dell’Under 21 ieri si è dovuto fermare durante la partitella di fine allenamento per una leggera botta al ginocchio. Una fasciatura e una borsa del ghiaccio che per qualche istante hanno tenuto col fiato sospeso lo staff medico giallorosso. Poco dopo tutto rientrato. Florenzi è stato inserito da Zeman nella lista dei convocati e prima di salire sul treno per Parma ha rassicurato tutti: «Sto bene, niente di grave. Sono a disposizione». Non sono saliti sul Frecciarossa che ieri ha portato Totti e compagni a Parma gli infortunati Balzaretti, Taddei e Lobont. Per sostituire il terzino sinistro della Nazionale è in atto un ballottaggio tutto brasiliano. Questa sera Zeman deve scegliere uno tra Dodò e Marquinho. In vantaggio c’è l’ex Fluminense che domenica scorsa è subentrato nel secondo tempo proprio a Dodò. A Parma questa sera sono previsti circa due gradi, temperatura non ideale per le condizioni fisiche non perfette del terzino ex Corinthians.

 

Qualche minuto Dodò lo giocherà, come prevede il programma di recupero del suo ginocchio, ma Zeman preferisce non rischiare troppo e affiderà la maglia da titolare a Marquinho. A completare la linea difensiva saranno Marquinhos e i due convocati rispettivamente da Brasile Perù Castan e Piris. In attacco non ci sono dubbi. Ieri Zeman in conferenza non ha dato speranze a Destro: «Per me rimane un giocatore importante. Purtroppo dobbiamo giocare in 11, Osvaldo, Lamela e Totti in questo momento mi danno affidamento. Destro farà bene e servirà alla Roma». Servirà si, ma non questa sera, o meglio non dal primo minuto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy