“Andate a lavorare!”

di Redazione, @forzaroma

 

(Il Romanista – M. Macedonio) “L?As Roma siamo solo noi”?c?? scritto, inequivocabile, al centro della?Sud. Compare poco prima che cominci la partita, lo striscione che occupa la parte bassa della curva.

 

Ed ? proprio nel momento in cui viene ripiegato, dopo un paio di minuti dal fischio d?inizio, che il Cagliari va inesorabilmente in vantaggio. ? allora che ripartono i fischi, sia pure per poco. Quegli stessi che si erano sentiti alla lettura della formazione giallorossa quando lo speaker ha fatto i nomi ? i soliti, quando si tratta di fischi ? di Goicoechea e Tachtsidis. E dello stesso Zeman, applaudito e fischiato in pari misura.

Perch? anche in curva sembra essere una serata all?insegna di sentimenti contrastanti. Quasi lo specchio di ci? che si ? vissuto in questi giorni. Una verit? e il suo opposto, neanche convivessero due anime in disaccordo tra loro. Dopo il gol di Nainggolan riprendono infatti anche i cori di sostegno alla squadra, cos? come ? insieme alla contestazione di una parte della tifoseria nei confronti del tecnico ? campeggia, in alto tra i Distinti, lo striscione che recita “Zeman non si tocca, laziale sciacquate la bocca”.

 

C?? comunque pi? gente di quanta se ne prevedesse, tenuto conto che si gioca in un giorno feriale, anche se non ? una serata fredda. Insomma, i tremila paganti che si paventavano alla vigilia sono in realt? ottomila, che in aggiunta ai quasi venticinquemila abbonati fa un numero accettabile, bench? la gara non sembri meritare una tale affluenza. Il primo tempo scorre infatti via tra pochi lampi e tanti ? ahinoi, i soliti ? svarioni, in attacco come in difesa. Almeno fino a quando il capitano non ci mette l?impronta che serve. E fa 1-1. Che ci sia solo lui, manco a dirlo. Anche se la curva, per la milionesima volta, non manca l?occasione per ribadirlo, mentre a bordo campo De Rossi prende a scaldarsi, strappando applausi che sanno di speranza di vederlo entrare.

 

Quando Romeo fischia la fine dei primi 45 minuti, c?? pi? indifferenza che disapprovazione, da parte del pubblico. Quasi la concessione di una tregua. Altri 45 minuti a disposizione della squadra per smentire cattivi pensieri e quanto di brutto e indefinibile s?? visto fino a quel momento. Sa di nemesi, quindi, all?inizio della ripresa, la ?caporetto? di Goicoechea. Che diventa di tutta la squadra, sempre pi? incapace di reagire, visto che nello spazio di pochi minuti il vantaggio degli ospiti si fa ancora pi? pesante e netto. “C?avete rotto er c?.? grida ora a piena voce la curva. Dove fa adesso la sua comparsa la scritta ?Via il boemo?. Manco fosse l?, pronta per l?uso. Ed ? una salva di fischi quella che accompagna Taxi all?uscita, in cambio di Daniele. Almeno per il greco, finiscono qui, per stasera.

 

Continuano invece per il portiere, che ogni volta che tocca palla ne ? subissato. In panchina si copre la bocca, Stek. Un po? per celare i commenti che scambia con Lobont, e un po? ? forse ? per nascondere un possibile sorriso amaro, di chi sta consumando la sua piccola rivincita personale. Quando, ancora a venti minuti dalla fine, il risultato assume proporzioni insostenibili anche per il tifoso pi? paziente di questo mondo, lo stadio comincia pian piano a svuotarsi. Anche le bandiere che fino ad allora, nonostante tutto, avevano continuato a sventolare, si abbassano e si riarrotolano. Resta lo spazio per cori dal significato esplicito (“Andate a lavorare”), quando non si fanno pi? pesanti, rivolti alla squadra ma anche alla dirigenza (“Pezzo di m?” e “Vaff?”), toccando in egual misura tanto il direttore sportivo quanto quello generale. Al 95? (!), il fischio di Romeo ? quasi una liberazione, mentre quelli dello stadio ? che intanto chiede a Goicoechea ?facci un gol? e alla squadra, inutilmente, di andare sotto la curva ? vogliono dire una cosa sola: si giri pagina, e al pi? presto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy