Alle 14 di nuovo tutti in campo

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – C.Zucchelli) Alle 14 tutti a Trigoria. La Roma si ritrova oggi dopo il ko di San Siro contro il Milan per preparare la sfida al Novara di domenica alle 12.30.

 

Da valutare, oltre a Totti, anche le condizioni di Borini, alle prese con un affaticamento muscolare, e quelle di Pjanic, che ancora non è al massimo della forma dopo la lesione successiva al derby. Entrambi sono in dubbio per la sfida contro i piemontesi (…) mentre Greco, che non è partito per Milano per un problema accusato nella rifinitura, dovrebbe di nuovo tornare a disposizione. Di lui domenica ci sarà bisogno visto che a centrocampo Greco giocherà da vertice basso davanti alla difesa con De Rossi chiamato a fare il centrale accanto a Kjaer. Heinze verrà squalificato oggi dal giudice sportivo dopo l’ammonizione di sabato sera e Daniele dovrà fare gli straordinari visto che per il danese ritrovare l’Olimpico, dopo l’errore di San Siro, non sarà facile.

De Rossi, che ieri è rimasto a Milano insieme ad altri giocatori tra cui Rosi e Marquinho, ha la personalità giusta per supportare Kjaer in un ruolo non suo ma che ha dimostrato di saper interpretare al meglio in una partita complicata come quella contro la Juventus. Sugli esterni potrebbe riposare Rosi, tra i peggiori al Meazza, con Taddei spostato a destra e José Angel di nuovo dal primo minuto a sinistra. In attacco molto, se non tutto, dipenderà dalle condizioni di Totti. Se per il Capitano dovesse esserci un turno di riposo Lamela potrebbe fare il trequartista con Osvaldo e uno tra Borini e Bojan in attacco, altrimenti l’argentino scalerà davanti. Lamela vuole riprendersi il posto da titolare dopo l’esclusione di Milano: c’è rimasto male, sperava di giocare almeno qualche minuto in più del secondo tempo e ha voglia di tornare a stupire come fatto nella prima parte di stagione. Dopo l’espulsione di Torino contro la Juventus Erik, che pure ha fatto qualche giocata importante come l’assist di Palermo per Borini, non è stato più lo stesso, sta pagando adesso l’impatto col campionato italiano, cento volte più tattico di quello argentino, e sta pagando anche le difficoltà di una squadra che non riesce a trovare continuità. Luis Enrique lo considera un titolare ma adesso si aspetta, anche da lui, qualcosa in più. (…)

Anche Bojan, come detto, spera in una possibilità contro la squadra a cui all’andata ha segnato un gol bello e importante. Tante volte in queste settimane si è detto (e scritto) che sarebbe arrivato il suo momento ma non è mai successo. Lui non si è dato per vinto, domenica però aspetta un’occasione. E non è detto che, dopo oltre due mesi di panchine, non arrivi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy