Il naufragio dell’ultima utopia

di Redazione, @forzaroma

(Il Manifesto – A.Piccinini) ?Come suol dirsi, l?incidente ? chiuso?? scrisse il poeta Majakowski prima di uccidersi, travolto dal realismo socialista e da un amore che lo faceva soffrire.?Meno tragico ma altrettanto poetico l?esonero di Zdenek Zeman allenatore della Roma, il giorno dopo la partita persa 4-2 contro il Cagliari. Lo avevano rivoluto confidando nella seducente narrazione della Rivincita su tutto e tutti: Moggi, Machiavelli, il calcio brutto e truccato, lo star system cialtrone. La ruota della Storia, insomma. Sperando almeno nell?effetto vintage:?nessuno pi? del Boemo riassume in s? gli slanci calcistici del secolo passato, coi suoi moduli ungheresi, olandesi, sacchiani: collettivisti comunque, ch??la squadra vale pi? del singolo campione,?la velocit? del gruppo pi? della singola destrezza, l?attacco ? la miglior difesa, eccetera.

Alla fine degli anni Ottanta il 4-3-3 di Zeman sembr? l?ultima Utopia(mentre tutte le altre miseramente si eclissavano). Ci si attaccarono alcuni dannati della terra, convinti che Davide potesse ancora battere Golia, e Don Chisciotte dare una lezione ai mulini a vento.?Erano trent?anni fa. Ci si arrabbia oggi, a ragione, nel vedere Zeman naufragare sempre allo stesso modo, travolto dalle contromisure escogitate per spezzare il suo gioco collettivo, che quando funzionano precipitano ogni calciatore nella pi? spaventosa solitudine di fronte all?avversario.
Valga per tutte la figuraccia del povero portiere giallorosso Goicoechea, che ieri si ? messo inspiegabilmente il pallone in porta, da solo.

La cosa ha un suo valore strategicopolitico, si capisce. Avvertiva Sartre, sconsolato, che ?nel calcio tutto ? complicato dalla presenza dell?avversario??.?Secondo Zeman (e anche secondo Roosevelt) il nostro peggior avversario siamo noi stessi.?Per chi non si accontenta del realismo, la lezione non passa di moda.?Daje.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy