Una Roma senz’anima. Ora il fallimento è totale

Con i tifosi sarebbe uscita tra i fischi. Fonseca bocciato

di Redazione, @forzaroma

Se ci fossero stati i tifosi ieri all’Olimpico, la Roma sarebbe uscita tra i fischi dopo la sconfitta per 2-0 contro l’Udinese, la nona in Serie A in questa stagione, e quella che mette la parola fine al campionato dei giallorossi, scrive Gianluca Piacentini sul “Corriere della Sera”. Il quarto posto occupato dall’Atalanta dista ormai 12 punti mentre il Milan dietro è distante solo 5. Un fallimento totale per una squadra che anche ieri sera ha dimostrato di non avere un’anima, poco aiutata anche da Paulo Fonseca che ha mandato in campo una formazione improvvisata. Lo stadio vuoto ha risparmiato ai capitolini una contestazione plateale. Domenica sera altra gara complicatissima a Napoli. Non ci sarà Zaniolo che ieri ha assistito alla partita in tribuna insieme a Juan Jesus e Pellegrini.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. roberto.gallo195_12323744 - 4 mesi fa

    I signori giocatori dovrebbero avere l’obbligo di ricordarsi SEMPRE chi gli paga lo stipendio anche se manca la dirigenza. Dovrebbere sentirsi OBBLIGATI a dare il massimo ogni volta che entrano in campo o vanno in panchina.
    Solo per questo hanno il 200% di colpe. Sono giocatori da massima serie e non dovrebbe essere l’ultimo arrivato a cercare di prendersi sulle spalle la scuadra.
    Altro che Pallotta o Fonseca. Gli arriva lo stipendio sul conto corrente?
    Io in quaranta anni di lavoro non ho MAI VISTO IL MIO PRESIDENTE O L’ALTA DIRIGENZA ma avevo l’obbligo morale di dare il 100% al lavoro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy