Una città in pieno delirio. Sopraffatta dalla gioia e persa nell’incredulità

Tutto intorno all’Olimpico sono partiti i caroselli, testimoniati dalle dirette social dei calciatori romanisti, increduli per un’esplosione così fragorosa di gioia, che si sono poi allargati a macchia d’olio in tutta la città

di Redazione, @forzaroma

Un festeggiamento continuo, cominciato al fischio finale dell’arbitro che ha consegnato la Roma alla storia, con il raggiungimento dellasemifinale di Champions League. Come riporta “Il Corriere della Sera”, ieri la città, la parte giallorossa, si è svegliata incredula, ancora sorpresa, quasi sopraffatta dalla gioia per il conseguimento di un obiettivo che solo un’altra volta era stato centrato, 34 anni fa. Forse sarebbe meglio dire che i romanisti, a dormire, non ci sono andati per niente. Sono stati moltissimi, infatti, quelli che hanno tirato avanti per tutta la notte, recandosi direttamente sul posto di lavoro dopo parecchie ore di festeggiamento, mentre ce n’erano un centinaio ieri mattina fuori dai cancelli di Trigoria ad attendere la squadra che doveva allenarsi.

Tutto intorno all’Olimpico sono partiti i caroselli, testimoniati dalle dirette social dei calciatori romanisti, increduli per un’esplosione così fragorosa di gioia, che si sono poi allargati a macchia d’olio in tutta la città: sbandieratori notturni – è diventato virale il video di un tifoso giallorosso che, in piedi su una sedia al centro di un incrocio in zona San Giovanni, arringa la folla – e sfottò nei confronti dei laziali, prossimi avversari nel derby di domenica.

Il primo a darsi alla pazza gioia è stato James Pallotta. Circondato dai tifosi che, forse per la prima volta, lo acclamavano, si è tuffato nella Fontana dei Leoni a piazza del Popolo. Un gesto, ripreso dai telefonini di molti, che gli è costato una multa di 450 euro e una tirata d’orecchie da parte della sindaca Virginia Raggi, incontrata ieri in Campidoglio per fare un altro punto sul progetto dello stadio di Tor di Valle. “Devo ringraziare la sindaca – ha detto Pallotta – per la multa, meritatissima. Mi scuso, mi sono lasciato prendere dall’entusiasmo, credo sia stata una giornata meravigliosa per tutti noi. Per dimostrare personalmente quanto non incoraggi nessuno a tuffarsi dentro le fontane, ho deciso di donare 230mila euro per restaurare quella che si trova di fronte al Pantheon”.

(G. Piacentini)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy