Salah, la forza dell’ottimismo

La prognosi parla di 4-6 settimane di stop. La trasferta di Napoli (13 dicembre) potrebbe essere l’occasione giusta per rivederlo nella lista dei convocati

di Redazione, @forzaroma

Tegola sulla Roma: Mohamed Salah ha riportato una lesione capsulo-legamentosa di secondo grado del compartimento articolare esterno di caviglia destra. Ma l’egiziano ha già fatto una promessa: «Tornerò più forte di prima». Quando? La prognosi parla di 4-6 settimane di stop. La trasferta di Napoli (13 dicembre) potrebbe essere l’occasione giusta per rivederlo nella lista dei convocati. Se invece i tempi saranno più lunghi, il rischio per Garcia è addirittura quello di riaverlo a disposizione nel 2016. Salah si sente meglio, rispetto a domenica, ed è ottimista, riporta Gianluca Piacentini su “Il Corriere della Sera“.

Tornerà prima Francesco Totti. Gli esami svolti ieri dal capitano hanno evidenziato un miglioramento del quadro clinico: nei prossimi giorni tornerà a lavorare sul campo. Potrebbe essere nella lista dei convocati per la trasferta del 21 novembre a Bologna, alla ripresa del campionato, o per la sfida del 24 in Champions contro il Barcellona.

Ben 12 i nazionali giallorossi. Contro il Bologna ci sarà il ritorno di Pjanic, che con Dzeko giocherà due partite «vere»: la Bosnia, infatti, affronterà l’Irlanda nei play-off di qualificazione agli Europei. Impegni che contano anche per Gervinho (la Costa d’Avorio giocherà contro la Liberia nelle qualificazioni ai mondiali del 2018) e per Uçan (con l’Under 21 turca in corsa per l’Europeo). Tutti gli altri, da Digne a Ruediger, richiamato da Loew dopo cinque mesi, passando per Torosidis e Manolas, Nainggolan e Florenzi (che si affronteranno venerdì), Gyomber e Szczesny, giocheranno delle amichevoli con un solo imperativo: tornare sani a Trigoria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy