Roma, la parabola di Pastore

Roma, la parabola di Pastore

In vista della gara con l’Atalanta di domani sera, potrebbe esserci una novità tattica, sperimentata per alcuni minuti contro il Torino: lo spostamento nel tridente d’attacco dell’argentino

di Redazione, @forzaroma

Il calcio è uno sport dinamico, non ci si può fossilizzare sui moduli“. È sempre stata questa la risposta di Eusebio Di Francesco a chi lo accusava di essere un integralista del 4-3-3. Nella scorsa stagione ha dimostrato di saper cambiare in corsa, ricorrendo all’occorrenza anche alla difesa a tre. La rosa che Monchi gli ha messo a disposizione quest’anno gli consente variare tanto, scrive “Il Corriere della Sera“.

Per questo, in vista della gara con l’Atalanta di domani sera, potrebbe esserci una novità tattica, sperimentata per alcuni minuti contro il Torino: lo spostamento nel tridente di Javier Pastore. L’avanzamento dell’argentino libererebbe un posto per uno tra Cristante (favorito) e Pellegrini. Partendo qualche metro più avanti, Pastore potrebbe con maggiore facilità accentrarsi alle spalle di Dzeko e di un altro attaccante, quasi certamente Schick, che garantisce più soluzioni anche sui palloni alti rispetto ai compagni di reparto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy