Roma in emergenza, ma dalle Nazionali sono ritornati tutti “negativi”

Gli azzurri e Dzeko sottoposti ai tamponi. Contro il Sassuolo la difesa resta da inventare

di Redazione, @forzaroma

Sarà una Roma in piena emergenza quella che domani affronterà a Reggio Emilia il Sassuolo. Se dal campo, infatti, non sono arrivate buone notizie per il tecnico portoghese, che quasi sicuramente non avrà a disposizione nessuno degli infortunati, tutti i calciatori rientrati dalle Nazionali sono risultati negativi ai tamponi molecolari. Dzeko, Pellegrini, Mancini, El Shaarawy e Spinazzola erano stati messi precauzionalmente in isolamento in attesa del risultato dei tamponi, arrivato nel pomeriggio di ieri, ma saranno comunque a disposizione. Questa mattina – scrive Gianluca Piacentini su ‘Il Corriere della Sera’ – i calciatori si sottoporranno ad un nuovo tampone e se anche questo risulterà negativo, dopo il via libera della ASL, si alleneranno a Trigoria e per dieci giorni seguiranno il protocollo che prevede la “bolla” casa-lavoro.

Tra squalifiche (Villar e Ibanez) e infortuni (Veretout, Cristante, Smalling, Kumbulla e Mkhitaryan), Fonseca dovrà stravolgere ogni reparto. In difesa è praticamente certo l’impiego di Federico Fazio: il reparto sarà completato da Mancini e da uno tra Spinazzola e Karsdorp. A centrocampo, vista l’assenza di Villar e il mancato recupero di Veretout (che al massimo andrà in panchina), sarà arretrato Pellegrini al fianco di Diawara. Solo in attacco ci sarà un po’ più di scelta: Borja Mayoral dovrebbe essere preferito a Dzeko e alle sue spalle giocheranno due tra El Shaarawy, Pedro e Carles Perez.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy