Roma, i dirigenti a colloquio con Zeman e De Rossi

di Redazione, @forzaroma

(Corriere della Sera – G. Piacentini) – Ha ragione De Rossi o Zeman? Ieri nel mondo Roma—radio private, siti, social network — si è parlato solamente di questo, nemmeno fossero avversari invece che allenatore e giocatore della stessa squadra. Pochi gli accenni alla gara contro la Fiorentina, fondamentale per capire quali potranno essere gli obiettivi della formazione giallorossa in questa stagione. E mentre, da Parigi, Carlo Ancelotti dichiara che «De Rossi non è una pista né calda né fredda», da Trigoria non arrivano commenti ufficiali sulle esternazioni del tecnico boemo. Al chiuso del Fulvio Bernardini, però, ieri mattina il d.g. Baldini («Pallotta mi ha detto che la Roma era un marchio sottovalutato, Sensi aveva una passione smodata e con lui sono diventato dirigente, UniCredit è un partner della Roma, che grazie a loro gioca ancora in serie A» ha detto intervenendo al dibattito «Calcio, passione contro business») e il d.s. Walter Sabatini hanno voluto incontrare il calciatore: insieme hanno rivisto il video dell’intervista e hanno spiegato a De Rossi che il boemo ha parlato in quel modo per spingerlo a dare più di quello che sta facendo finora, invitandolo a pensare solamente al campo.

I due dirigenti hanno parlato anche con Zeman: nessuna reprimenda per le sue dichiarazioni, anche se il passaggio sulla mancanza di squadre interessate a De Rossi non è stato apprezzato. […]

 

La presenza di De Rossi in campo domani contro la Fiorentina (arbitra Banti) è tutt’altro che scontata. Ieri Zeman ha provato un centrocampo composto da Tachtsidis, Bradley e Florenzi. Le buone notizie arrivano da Pjanic, che si è allenato con il gruppo dopo lo stop per un problema al tendine d’Achille, e da Lamela. L’argentino sarà convocato ed è in lizza per una maglia da titolare

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy