Pjanic, magia da cineteca Sabatini si impegna: ”A maggio il contratto”

di finconsadmin

(Corriere della Sera – G.Piacentini) Dopo lo straordinario gol di Pjanic sul finire del primo tempo, il pensiero di quelli più maliziosi presenti ieri sera allo stadio Olimpico è andato alla dirigenza giallorossa, sempre più «costretta» a rinnovare il contratto del calciatore bosniaco. Più passano i giorni, più Pjanic gioca bene, e più rischia di salire la cifra che la Roma dovrà scrivere sul suo contratto per il rinnovo. La cosa certa è che ieri sera il centrocampista giallorosso ha conquistato definit i vament e i l cuore di tutti i romanisti, con una prestazione straordinaria, a prescindere dal gol.

 

Non che i tifosi romanisti avessero bisogno di particolari dimostrazioni, ma la «standing ovation» che gli oltre cinquantamila dello stadio Olimpico hanno tributato a Pjanic è la conferma che in questo momento il calciatore bosniaco è uno degli indispensabili del gruppo giallorosso. «I tifosi della Roma sono stati incredibili» il commento quasi imbarazzato del centrocampista, che si è subito reso conto di aver fatto una magia. Se ne è reso conto anche Walter Sabatini confrontatosi sulle strategie di mercato con il d.g. Mauro Baldissoni, tornato dalla missione americana a casa di James Pallotta, e che nelle prossime ore incontrerà Rudi Garcia.

 

Un colloquio che tra i punti all’ordine del giorno oltre al contratto del tecnico avrà anche il rinnovo di Pjanic. «Stiamo negoziando – le parole del direttore sportivo romanista – quotidianamente per rinnovare il contratto. Vogliamo chiudere in fretta, prima della fine della stagione naturalmente, e credo che lo faremo. Siamo sempre vigili e molto attenti su quello che potrà succedere, io spero di riuscire a chiudere questo discorso prima della fine del campionato, anche perché poi ci sono i Mondiali, i ragazzi se ne vanno e diventa un problema ».

 

Quanto «pesi» Pjanic all’interno del gruppo, lo si capisce anche dalle parole a fine gara di Adem Ljajic. «Gol come quello di Miralem se ne vedono una volta nella vita, dopo quello la partita si è messa in discesa per noi. Per lo scudetto non molliamo fino alla fine ma non dipende da noi, se giochiamo sempre così possiamo vincere con tutti. Il mio futuro? Sono arrivato qui per rimanere a lungo, decideremo insieme alla società, ne parleremo a fine stagione. Spero di rimanere a lungo, mi piacciono la Roma e i suoi tifosi».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy