Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Corriere della Sera

Pellegrini: “La risposta a tutte le critiche”

Getty Images

Il capitano: "Nel secondo tempo abbiamo messo maggiore intensità, e si è visto in campo"

Redazione

Torna alla vittoria la Roma, che passa 2-1 a Cagliari e difende il quarto posto in classifica, scrive Gianluca Piacentini sul Corriere della Sera. Sono stati tre punti sofferti per i giallorossi, telecomandati dalla tribuna dallo squalificato José Mourinho e costretti a rimontare il gol di Pavoletti. Quando le cose si sono messe male, però, ci ha pensato Lorenzo Pellegrini a regalare una vittoria fondamentale: dopo il pareggio di testa di Ibanez (alla sua seconda rete stagionale dopo quella nel derby), il capitano ha pescato il jolly su calcio di punizione, realizzando il suo quinto gol in campionato (ottavo in stagione compresa la Conference League), il primo in serie A (su 26 tentativi) su calcio di punizione diretta. “E sono ancora in debito – le parole del numero 7 – perché mi dicono che non so calciare le punizioni. Io cerco di migliorarmi, come tutti i miei compagni, allenamento dopo allenamento: prima o poi riusciremo a fare quello che proviamo”. I tre punti conquistati sono pesanti. “Hanno un peso importante come tutte le vittorie che otteniamo, la partita non si era messa bene anche se nel primo tempo abbiamo avuto sempre la palla. Nel secondo tempo abbiamo messo maggiore intensità, e si è visto in campo". È stata una reazione del gruppo, ancora ristretto viste le esclusioni (Villar, Diawara, Mayoral e Reynolds) decise da Mourinho. “ll reale valore di questo gruppo ce lo diranno il tempo e i risultati che otterremo. Quello che posso dire io è che questo non è un gruppo ma una famiglia che punta a migliorarsi e a unirsi ancora di più“. La vittoria è stata anche una risposta alle tante critiche.“Alle critiche e alle cose brutte che sono state dette in questa settimana: ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo fatto un’ottima partita col Napoli e qui ci siamo presi i tre punti, che era quello che dovevamo fare".