Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Corriere della Sera

Mourinho: “Atalanta da ammirare ma non firmo per il pareggio”

Getty Images

Il tecnico agguerrito e fiducioso: "Noi andiamo lì per vincere"

Redazione

“Non firmo per un pareggio, andiamo a Bergamo per vincere". È un Mourinho agguerrito, alla vigilia del match contro l’Atalanta (oggi, ore 15), scrive Gianluca piacentini sul Corriere della Sera. Una partita che sulla carta per i giallorossi dovrebbe avere un pronostico chiuso, soprattutto alla luce del rendimento negli scontri diretti con le big, ma il tecnico portoghese non la pensa allo stesso modo. “Con tutto il rispetto e l’ammirazione per l’Atalanta – le parole dello Special One – noi andiamo lì per vincere. Se mi dite: ‘José, resta a casa e arriva un pareggio’ io rispondo di no. Perché il calcio è calcio, perché abbiamo bravi giocatori e un gruppo fantastico". Le differenze con il progetto della società bergamasca, sono però tante. “È innegabile una differenza fondamentale: io sono alla Roma da 6 mesi, Gasperini è lì da 6 anni. Questo non significa solo identità, idee, allenamenti, ma anche 12 finestre di mercato contro una. Parliamo di una società fantastica, stabile, lavorano tutti insieme, dieci anni dopo rispetto alla mia prima esperienza italiana sono una squadra da Champions e giocano per cercare di vincere lo scudetto. Noi abbiamo una proprietà nuova, che sta facendo un grande lavoro a tutti i livelli, un allenatore qui da soli sei mesi, con un mercato di reazione, come dico sempre, e queste sono differenze significative nei momenti di crescita. Però non ho dubbi su una cosa: noi possiamo vincere perché il calcio è calcio. Non voglio pensare: se perdiamo non abbiamo speranze Champions, se vinciamo invece siamo lì".