Corriere della Sera

Mou, ottobre è il mese della verità

Getty Images

La squadra giallorossa è chiamata a fare il definitivo salto di qualità

Redazione

Tre settimane per decidere le ambizioni della Roma. In ventuno giorni – quelli che passano tra la gara di domenica 17 contro la Juventus e quella a Venezia, ultima partita prima della prossima sosta – la formazione giallorossa si gioca una parte importante della stagione, scrive Gianluca Piacentini sul Corriere della Sera. Nelle cinque gare di campionato, infatti, ci saranno ben tre scontri diretti contro la Juventus, il Napoli (24 ottobre) e il Milan (31), oltre alle trasferte di Cagliari (27) e Venezia (7 novembre), mentre in Conference League il doppio confronto (21 ottobre e 4 novembre) con i norvegesi del Bodo Glimt può consentire alla Roma di chiudere in largo anticipo il discorso qualificazione. È però in campionato che si gioca la parte di stagione più importante, perché la squadra di Mourinho è chiamata a fare il definitivo salto di qualità. Il limite più della Roma di Fonseca è stato non essere (quasi) mai riuscita a vincere gli scontri diretti: lo scorso anno sono stati solo 7 su 36 i punti conquistati contro le squadre che hanno preceduto i giallorossi in classifica. Un bottino misero che ha segnato la differenza tra il settimo posto e la zona Champions.