Lega, Aic e tv: frenata nell’anticipo degli orari delle partite

Le parti litigano, ma si tratta ancora

di Redazione, @forzaroma

Colloqui in fase di stallo. Non si registrano passi avanti nell’accordo che l’ad della Lega, Luigi De Siervo, sta cercando con i brodcaster e l’Assocalciatori per anticipare gli orari delle partite, in particolare quello delle 21.45, il più criticato. Servirebbe l’ok dei giocatori a iniziare le gare alle 16.45, così da poter arretrare le lancette di mezzora anche per le partite seguenti. L’Aic però fa muro, contrario a mandare in campo i propri associati prima delle 17 nel mese più caldo dell’anno. Del resto – scrive ‘Il Corriere della Sera’ – anche le tv, pur favorevoli alle modifiche, ribadiscono l’esigenza di far trascorrere due ore e un quarto fra una sfida e l’altra. Tutte le componenti dovrebbero fare un piccolo passo indietro: le eventuali variazioni entrerebbero in vigore a partire dal prossimo week-end.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy