Lazio e Roma in campo. Il 6 via agli allenamenti

Okay della Regione, mercoledì ripartono le sedute a gruppetti

di Redazione, @forzaroma

Lazio e Roma sono pronte da tempo,hanno combattuto assieme la battaglia per la ripartenza del calcio: i dirigenti giallorossi più defilati, Lotito in prima linea, scrive Stefano Carina su “Il Corriere della Sera”. E adesso tutt’e due le società hanno intenzione disfruttare l’opportunità offerta dall’ordinanza della Regione, in contrasto con l’ultimo Dpcm: mercoledì prossimo i calciatori di entrambe le squadre della città riprenderanno gli allenamenti all’interno dei rispettivi centri sportivi. A meno che il Cts non accolga la richiesta del Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

A Trigoria e a Formello è tutto organizzato per accogliere i calciatori. Gli ambienti sono stati sanificati più volte nel corso delle ultime settimane. Nessuno teme che ci siano rischi di contagio tra i calciatori perché gli spazi sono decisamente ampi. Ed entrambi gli staff medici e tecnici hanno preso decisioni simili: i giocatori accederanno ai centri sportivi a scaglioni nel corso della giornata, verranno organizzati almeno tre turni di allenamenti, entreranno nelle strutture utilizzando ingressi differenti rispetto agli altri dipendenti. E, alla fine del lavoro, andranno direttamente a casa per farsi la doccia, anche se sia a Trigoria che a Formello non manchi la possibilità di evitare contatti tra i giocatori sfruttando i numerosi spogliatoi e le stanze degli alberghi.

I giocatori di Roma e Lazio lavoreranno a piccoli gruppi, di 4 o 5 giocatori ciascuno, e saranno assistiti da un tecnico, un preparatore, i fisioterapisti. Correranno a distanza di 10 metri uno dall’altro, quindi cinque volte in più rispetto a quanto previsto dal Dpcm per lo svolgimento dell’attività sportiva. I giallorossi avranno a disposizione tre campi. Anche il Frosinone è pronto per ricominciare ad allenarsi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy