L’altra faccia di Dzeko, bomber spietato con numeri-scudetto

Dzeko è capocannoniere (10 gol), è il giocatore che ha effettuato più tiri in porta (27) ed è il quinto nella classifica degli assist

di Redazione, @forzaroma

Il paragone è impegnativo: Dzeko ha segnato 10 gol in 10 partite, come Batistuta nel campionato 2000-2001, quello del terzo e ultimo scudetto della Roma. Il buon Edin, senza mancare di rispetto al bomber argentino, può mettere in campo anche una statistica personale: 10 gol nelle prime 10 presenze li aveva segnati pure nel campionato dello scudetto con il Manchester City allenato da Mancini, stagione 2011-2012. Ma che cosa è cambiato? Punto primo: Dzeko ha studiato l’italiano e il campionato italiano. Se la cava bene con la nostra lingua e ha capito quello che Spalletti vuole da lui: “Mi diceva sempre di attaccare lo spazio dietro la linea dei difensori avversari e io non sempre lo facevo”.

Punto secondo: ha potuto fare il ritiro precampionato con la squadra e ne ha tratto enormi benefici, soprattutto fisici.

Punto terzo: sia al Wolfsburg che al Manchester City ha usato il primo anno come materia di studio e ha vinto lo scudetto nel secondo. Un diesel. A differenza di Icardi e Higuain, il bosniaco è anche un uomo assist. Secondo i dati ufficiali della Lega calcio, infatti, Dzeko è capocannoniere (10 gol), è il giocatore che ha effettuato più tiri in porta (27), è il quinto nella classifica degli assist (7 palle gol potenziali create, 2 realizzate dai compagni) e si è anche procurato 3 rigori (contro Udinese, Sampdoria e Sassuolo). Prima di Napoli e Sassuolo era andato in gol soltanto all’Olimpico, ma nelle ultime due trasferte ha messo a segno due doppiette.

L.Valdiserri

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy