Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Corriere della Sera

La Roma ha imparato come si mette all’angolo l’avversario

Getty Images

C'è un fondamentale che sta portando parecchi punti alla squadra: i calci piazzati

Redazione

C’è un dato che meglio di altri ci fa capire come Josè Mourinho stia lavorando tantissimo nella preparazione delle partite e, in particolar modo, scrive Gianluca Piacentini sul Corriere della Sera, su un fondamentale che, a conti fatti, sta portando parecchi punti alla squadra: i calci piazzati. Il primo gol segnato da Tammy Abraham contro la Lazio dopo appena cinquantasei secondi di gioco – il più rapido nella storia del derby capitolino in campionato – è arrivato infatti da un calcio d’angolo battuto in maniera perfetta da Lorenzo Pellegrini e tramutato in oro dal centravanti inglese. Non c’era modo migliore, per la Roma, di incominciare una delle partite più attese di tutta la stagione. In totale, in questa stagione, sono già 11 i gol segnati dalla formazione giallorossa sugli sviluppi di un corner. Un dato che porta la Roma a primeggiare in questa particolare classifica, in cui al secondo posto c’è l’Inter che di gol ne ha realizzati 8 (su 186 calci d’angolo battuti rispetto alla Roma, che ne ha calciati 178), seguita da Bologna (7) e Sampdoria (6). Tra gli specialisti nel calciare gli angoli ci sono Jordan Veretout e Pellegrini, mentre a beneficiare maggiormente di questa abilità è stato Roger Ibanez, a segno contro Cagliari, Lazio all’andata e contro lo Spezia. Hanno trovato gloria, oltre ad Abraham, anche Kumbulla (contro il Lecce in Coppa Italia) e Smalling. Non solo calci d’angolo, però, perché c’è un altro fondamentale in cui la Roma è sensibilmente migliorata rispetto al passato: i gol su calcio di punizione diretta. Nella passata stagione, infatti, non è arrivato nemmeno un gol grazie a questo fondamentale, mentre in questa ne sono arrivati già tre e tutti portano la firma del capitano Lorenzo Pellegrini, andato a segno contro il Cagliari, contro la Juventus e nel derby: tre gol bellissimi che avrebbero potuto portare nove punti in classifica se non ci fosse stato un black out contro la formazione bianconera, quando la Roma si è fatta rimontare da 3-1 a 3-4.