La Roma guarda avanti. Vuole blindare Garcia con un nuovo contratto

di finconsadmin

(Corriere della Sera – L.Valdiserri) – C’è un futuro immediato, che riguarda Roma-Napoli del 19 Ottobre.Potrebbe arrivare oggi la decisione del Prefetto di non far disputare la partita all’Olimpico, per la concomitanza con la manifestazione dei No Tav che convoglieranno sulla Capitale. Non è una partita normale, è quella tra la prima e la seconda in classifica. C’è chi dice che invertire i campi e giocare al San Paolo, come vorrebbe il Perfetto, sia falsare il campionato. La Roma, in quel caso, dovrebbe affrontare tre trasferte di fila: Inter (vittoria 3-0), Napoli e Udinese. Di sicuro, non un vantaggio. La Lega calcio sta studiando tutte le soluzioni. Per giocare al venerdì ci vorrebbe la buona volontà del Napoli, pieno di sudamericani che torneranno dalle nazionali solo giovedì. Spostare alla domenica non si può, perché c’è l’impegno di Champions League, a Marsiglia, contro l’Olympique, il martedì seguente. Il presidente De Laurentiis ha proposto di fare giocare la gara sabato a mezzanotte, cioè a manifestazione finita. Più faceto che serio.

 

C’è un futuro un po’ più lontano, ma al quale si sta già pensando. Rudi Garcia è la grande sorpresa di questo campionato. Aveva vinto campionato e Coppa di Francia, con il Lilla, nel 2011: non era uno sconosciuto. La ribalta di Roma, però, come Rudi ha sperimentato, è un’altra cosa. Garcia è legato alla società giallorossa da un contratto biennale, da circa un milione e mezzo di euro a stagione, più un’opzione per il 2015-2016. Parlare già di prolungamento? Provare a blindarlo, sapendo che in Francia una tra Paris Saint Germain e Monaco perderanno per forza lo scudetto? Difficile fare certi discorsi adesso. Più facile far sentire Garcia sempre più importante, accontentandolo.

 

ll d.s.Walter Sabatini ha confessato domenica che, se non fosse stato per l’insistenza dell’allenatore, lui non avrebbe speso 8 milioni più bonus per Gervinho. L’ivoriano, invece, è diventato subito un punto di forza. «Un giocatore che cerca sempre la profondità — ha detto Garcia — e per questo mette in difficoltà gli avversari, che non sono abituati ad affrontarlo». La prossima «raccomandazione» di Rudi sarà Adil Rami, 27 anni, difensore centrale francese in forza al Valencia, che ha rotto con l’allenatore ed è finito fuori rosa. È più che un’idea per il mercato di gennaio. Rami, come Gervinho, era una colonna del Lilla dello scudetto. E poi c’è il presente, che dice che la Roma è prima in campionato, a punteggio pieno (21 punti su 21), ha il miglior attacco (20 gol) e soprattutto la miglior difesa (uno solo subito). E tutti si stanno accorgendo dell’importanza di Kevin Strootman nel meccanismo fin qui perfetto di Rudi Garcia.

 

L’olandese sembra un veterano anche se ha solo 23 anni e pare che stia in Italia da una vita e non soltanto da tre mesi. Ha seguito subito il consiglio/ diktat di Garcia, che ha chiesto a tutti gli stranieri di imparare il prima possibile l’italiano. Prende regolarmente lezioni e, anche se non lo parla ancora speditamente, lo capisce già. In campo, come dimostrato dal gol del 3-0, la lingua con Totti e gli altri è già comune. Cinquanta metri di corsa palla al piede, su illuminazione del capitano, e assist per il gol di Florenzi. Una «ripartenza» che Mazzarri avrebbe applaudito, se non fosse stato seduto sulla panchina dell’Inter. Un gol di quelli che è abituato a segnare, non a subire.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy